Le Pen non perdona insulti Ibrahimovic alla Francia

Calcio

Le Pen non perdona insulti Ibrahimovic alla Francia

zlatan-ibrahimovic

Ibra insulta la Francia e manda su tutte le furie i vertici del Paese.

Lo svedese si lascia scappare un frase irriguardosa verso la nazione transalpina.

Ibrahimovic sempre protagonista nel bene e nel male; così è stato anche ieri dove prima in campo ha messo a segno una doppietta seppur inutile ai fini del risultato e poi negli spogliatoi si è lasciato scappare davanti alle telecamere una frase a dir poco irriguardosa verso la Francia: “Francia paese di m….non merita il Psg”, questa la sua affermazione, che ha mandato su tutte le furie i vertici del Paese transalpino.

Il primo ad attaccare lo svedese è stato Marine Le Pen, leader del Front National, il quale ha detto che chi pensa questo della Francia può anche andarsene subito dalla Nazione, ma il polverone intorno alla stella del Psg è continuato, infatti anche il ministro dello sport francese Patrick Kanner ha duramente attaccato il calciatore.

Ibra ha cercato in serata di correggere il tiro affermando che le sue parole non erano state dette per mancare di rispetto alla Francia, ma erano riferite solo all’ambito calcistico ed in special modo all’arbitro della gara, che secondo lo svedese non aveva rispettato le regole.

Questo tentativo di scuse si è rivelato un boomerang, perchè contro Ibrahimovic si è poi schierata anche la SAFE (Associazione francese degli arbitri), che ha diffuso una lettera per condannare le parole del calciatore.

Molto probabili che arrivi nei prossimi giorni una dura sanzione verso il calciatore, il quale dopo l’espulsione rimediata in Champions la settimana scorsa è adesso nell’occhio del ciclone della Nazione che attualmente lo ospita. Una brutta grana per uno dei calciatori più famosi al mondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Patrizio Annunziata 947 Articoli
Vivere di calcio e sport con passione cercando sempre di essere imparziale e raccontare solo e senza mezzi termini la pura realtà dei fatti per rendere un servizio degno ai lettori.