Le professioni della green economy COMMENTA  

Le professioni della green economy COMMENTA  

Economia verde, risparmio energetico e sviluppo sostenibile. Il “green” è un imperativo che accomuna Paesi industrializzati e in via di sviluppo. Anche l’Unione Europea ha stimato che solo i “green job” offriranno oltre 20 milioni di posti di lavoro già dal 2020.

Leggi anche: Figli e Carriera, Come Funziona?


In ambito energetico è indispensabile “l’energy manager”, uno specialista in grado di tagliare sapientemente i consumi di edifici pubblici, privati e aziende. Una sorta di consulente energetico che aiuta a proteggere l’ambiente e a combattere gli sprechi, controllando che le costruzioni non subiscano perdite di energia. Sulla stessa scia anche il “certificatore energetico”: un tecnico che certifica i consumi e l’ecocompatibilità delle costruzioni.

Leggi anche: Strauss-Kahn si dimette: “sono innocente ma l’istituzione è più importante”


Per quanto riguarda la progettazione, i classici ingegneri e architetti si mettono al passo con i tempi e diventano “digital”, cioè in grado di utilizzare le più moderne tecnologie al servizio di una pianificazione sostenibile delle costruzioni.


Contro l’aumento delle emissioni nocive, invece, si svilupperanno i “manager della tracciabilità”, chiamati a tenere d’occhio l’intera catena dei fornitori per evitare di comprare prodotti troppo inquinanti, oppure i “progettisti di energie rinnovabili”, impegnati nella ricerca di nuove forme di produzione energetica.

L'articolo prosegue subito dopo

E ancora, il “riciclatore tecnologico”, per smaltire o riciclare la tecnologia in disuso.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*