Le prospettive di investimento in tempo di crisi, se ne parla alla Banca di Caraglio COMMENTA  

Le prospettive di investimento in tempo di crisi, se ne parla alla Banca di Caraglio COMMENTA  

Giovedì 21 novembre, alle 18 a Caraglio, presso la Cittadella della Banca di Caraglio in piazza della Cooperazione 1, avrà luogo la conferenza dal titolo “Scenari e prospettive di investimento negli anni della crisi finanziaria globale”. Ad aprire i lavori sarà Giorgio Draperis, Direttore Generale dell’istituto di credito; seguiranno gli interventi di Cristiano Iacopozzi, docente di Economia e Gestione del risparmio dell’Università degli studi di Siena, e di alcuni gestori rispettivamente di Cassa Centrale Banca, NEF Investments e Schroders Investment. L’ingresso è libero ed è rivolto in particolare alla clientela. Chi fosse interessato a partecipare può dare la propria adesione presso una delle filiali della banca. Per ulteriori informazioni telefonare al numero 0171/617151.

Leggi anche: Etna, allarme della Coldiretti: ‘Ingenti i danni della cenere vulcanica sulla raccolta di arance’

Dopo il successo di pubblico raccolto dalla conferenza dedicata alla figura di Don Silvio Felice Ramazzina, che si è svolta lo scorso 8 novembre, un nuovo evento istituzionale viene proposto dall’istituto di credito caragliese affrontando una tematica di sicuro interesse. “Se con la prima conferenza abbiamo voluto rendere un doveroso omaggio a uno dei principali interpreti della storia della nostra Banca, questo nuovo incontro mira invece a dare una chiave di lettura dell’attuale situazione economica – spiega Livio Tomatis, Presidente della Banca di Caraglio – e, in particolare, intende fornire spunti di riflessione su un tema delicato come quello della gestione del risparmio”.

Leggi anche: Il Time premia Angela Merkel come personaggio dell’anno

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*