Le spiagge dell’Isola Vulcano COMMENTA  

Le spiagge dell’Isola Vulcano COMMENTA  

Vulcano è particolare per i suoi camini sempre fumanti, per le spiagge nere e per quelle con l’acqua calda ma anche per la possibilità di concedervi un bagno nelle “pozze” con i fanghi curativi allo zolfo, non molto profumati, ma molto terapeutici.

È la prima isola che incontrate dopo 40 minuti di aliscafo da Milazzo e una tra le più frequentate dopo l’isola di Lipari. Da qui, potete poi raggiungere le altre spiagge dell’isola con i mezzi pubblici o noleggiando i classici motorini.

Dopo le classiche spiagge nere a Porto Ponente, a dieci minuti dal porto Levante, dove arrivano gli aliscafi, vi è la Spiaggia dell’Asino nella località Gelso. Qui potrete trovare sia la spiaggia libera che quella servita con lettini ed ombrelloni. Vi è anche un ottimo servizio bar-ristornate. Potete arrivarci tramite barca o via terra con autobus di linea che partono ed arrivano al porto Levante, oppure con motorini. Dista circa 15 chilometri dal porto. Dalle spiagge nere di porto Ponente vi sono varie gite organizzate per far visita alla Grotta del Cavallo e per la Piscina di Venere, due mete da non perdere.

Valle dei Mostri con le sue insolite rocce (proprio a forma di mostri).
Passando per la spiaggia delle Sabbie Nere e, a ponente, accanto al Faraglione delle Sirene, si incontrano le spettacolari Cale del Formaggio e di Mastro Minico, con le loro poco frequentate spiaggette separate da promontori lavici che si protendono verso il mare: è una costa straordinaria con pendii scoscesi e molto frastagliata. Superata Punta del Monaco, dopo il promontorio Testa Grossa, si scopre una piccola baia cinta dalle rocce a strapiombo del monte Lentia (sottostante il villaggio dove sono posti i ns. appartamenti e accessibile anche attraverso la strada dal villaggio).
Sulla sinistra, il basso fondale contornato da scogli forma il cosiddetto Bagno delle Vergini, una piscina naturale dall’acqua color verde smeraldo.

L'articolo prosegue subito dopo

In fondo, la Grotta del Cavallo: vi si può entrare ammirando la volta e fare un bagno con il riverbero del sole che crea giochi di luce in un’acqua limpida che va dal verde al blu.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*