Le tre ordinanze comunali per il decoro della Capitale COMMENTA  

Le tre ordinanze comunali per il decoro della Capitale COMMENTA  

Per una capitale più pulita e senza segni di degrado, l’amministrazione comunale emana tre ordinanze per favorire il decoro di Roma, migliorare il suo aspetto e dare una mano all’ambiente.

Da lunedì 8 febbraio sino al 30 gennaio 2011 saranno in vigore le ordinanze del sindaco Gianni Alemanno che prevedono multe salate per chi non le rispetta.

Prima ordinanza: decoro urbano ed abbandono di rifiuti.

La multa per chi abbandona rifiuti ingombranti dentro ed accanto ai cassonetti va dalle 206 alle 250 euro, se i rifiuti sono pericolosi come le batteria può arrivare sino a 500 euro. La multa è tra 100 e 250 euro per tutti coloro che non badano a dove depositano gli escrementi i propri animali domestici: arriva, anch’essa, sino a 500 euro.

La seconda ordinanza: writers, imbrattatori e vandali.

Le sanzioni sono salate per chi si diverte a sporcare e danneggiare il patrimonio pubblico: multa sino a 500 euro se si colpiscono monumenti, edifici che hanno valenza storico-culturale e chi opera il danno, dovrà ripristinare il tutto entro i 15 giorni.

La terza ordinanza: manifesti, volantini, affissioni.

Non scampano ai provvedimenti comunali nemmeno chi si occupa di pubblicità con volantini, manifesti e similari che provocano degrado. Ad esempio sarà vietato lanciare i manifesti ma è concesso solo consegnarli a mano.

Questi solo alcuni dei dettagli in merito alle tre ordinanza emanate dal comune.
Per maggiori informazioni e per una visione più completa www.comune.roma.it

Foto by google

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*