Le turbine eoliche non sarebbero pericolose per gli uccelli

Ambiente

Le turbine eoliche non sarebbero pericolose per gli uccelli

La domanda è sempre la stessa: le turbine eoliche rappresentano una minaccia per gli uccelli? Il problema esaspera il confronto tra pro e anti-turbine da anni. La controversia adesso potrebbe essere risolta da un nuovo studio, secondo cui l’installazione delle turbine eoliche non pregiudica la vita delle popolazioni di uccelli nel lungo termine, una volta terminata la costruzione. La ricerca è stata condotta da quattro ornitologi della Royal Society per la protezione degli uccelli, della Scottish Natural Heritage e del British Trust for Ornithology. Per trovare la risposta, i ricercatori hanno monitorato dieci specie di uccelli, tra le più importanti, che volano in Gran Bretagna.

Le conclusioni degli scienziati suggeriscono che le popolazioni di uccelli possono vivere e coesistere con i parchi eolici. In ampio contrasto con la convinzione diffusa secondo cui le pale eoliche causerebbero gravi danni agli uccelli selvatici perché potrebbero stordirli col rumore, disturbarli visivamente e, addirittura, ucciderli con le lame rotanti.

In realtà gli uccelli evitano l’ostacolo. Ma, se le pale delle turbine non sono pericolose, i parchi si rivelano particolarmente pregiudizievoli per alcune specie di uccelli nella fase di costruzione.

Il Curlew, il volatile più grande del Regno Unito, ha visto il declino della sua popolazione del 40%, durante la costruzione di 18 parchi eolici nel nord dell’Inghilterra e della Scozia, a causa dell’abbandono forzato dei siti di nidificazione. Tuttavia, la specie non ha reinvestito quei territori dopo l’inizio del funzionamento dei parchi. Questi risultati sono preoccupanti anche se alcune specie, come l’allodola e il saltimpalo, hanno prosperato durante la costruzione delle pale eoliche. I ricercatori, quindi, relativizzano la lettura scientifica sull’argomento. Non occupandosi, però, di studiare gli effetti sull’aquila reale e sui pipistrelli, frequentemente coinvolti nelle collisioni con le pale delle turbine.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche