Le ultime dichiarazioni di Dario Canovi su Thiago Motta COMMENTA  

Le ultime dichiarazioni di Dario Canovi su Thiago Motta COMMENTA  

Avevamo segnalato le ultime novità riguardanti Thiago Motta, o meglio la stasi che si registrava sul fronte del suo rinnovo contrattuale. Da parte della società, infatti, sembra essere stata scelta la soluzione di rimandare il momento di intavolare una discussione al proposito, come del resto confermato in più occasioni da  Dario Canovi, agente del centrocampista italo-brasiliano. Proprio Canovi, è tornato sull’argomento dichiarando a calciomercatoweb: “Al momento non ci sono novità. Con lui in campo l’Inter fa molti più punti? Speriamo che anche i nerazzurri la pensino in questo modo… Credo che al termine della stagione possa essere il momento giusto per chiedere un colloquio all’Inter per valutare quelle che sono le loro idee: rinnovo oppure se lo vogliono vendere. Per un giocatore non è mai bello arrivare all’ultimo anno di contratto”. In effetti, Canovi non ha tutti i torti, spesso i giocatori arrivati all’ultimo anno di contratto calano drasticamente il loro rendimento, anche per la paura di farsi male, come è successo a Philippe Mexes l’anno scorso. Al contempo, spetta a Thiago Motta, con le prestazioni sul campo, convincere la società a rinnovare un contratto che è abbastanza oneroso. Inoltre l’età abbastanza avanzata del giocatore, sembra andare in controtendenza con la linea decisa dall’Inter, che vorrebbe svecchiare la rosa anche per poter ottemperare al Fair Play finanziario chiesto dall’UEFA. Non è un caso che l’agente del brasiliano Casemiro abbia ammesso contatti con la società nerazzurra, che a sua volta segue anche altre piste come quella che concerne un altro giovane verdeoro, Paulinho del Corinthians. Neanche l’entourage di Thiago Motta, comunque, sembra avere l’intenzione di rimanere con le mani in mano, se si considera che in più di una occasione è stato adombrato un interesse della Roma nei suoi confronti.


Thiago Motta
Thiago Motta

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*