Leader o manager?

Cultura

Leader o manager?

Leadership e management non sono concetti equivalenti, e solo raramente chi ricopre una posizione di potere riesce a incarnare contemporaneamente il ruolo di leader e quello di manager. Le responsabilità, le abilità e il modo di pensare/agire sono in realtà differenti, e in nessuno dei due casi si può parlare di qualità innate che non si possono acquisire nel corso della carriera.

Quali sono le principali differenze tra un leader e un manager? Il primo confronto deve essere fatto sul piano della “visione” alla base del lavoro e dell’operato di entrambi. Se il leader ha la capacità di radunare i dipendenti intorno a una stessa visione, il manager è colui che mette in pratica la visione e guida i dipendenti affinché raggiungano tale fine.

Il leader innova, è capace di guardare lontano e interrogarsi riguardo al futuro, anche a costo di correre rischi, mentre il manager amministra, organizza, accetta la situazione attuale tirandone fuori il meglio senza tuttavia ampliare la vista a lungo raggio.

telepatia-comunicazione-tra-cervelli-638x425

Notevoli differenze tra le due figure si trovano anche sul piano del comportamento, basti pensare che generalmente il leader privilegia l’informalità quando il manager preferisce il formale, e mentre il primo valuta il potenziale delle risorse umane responsabilizzando sugli obiettivi, il secondo analizza le prestazioni e controlla le azioni in fase di svolgimento.

Da un lato la motivazione e dall’altro il controllo.

Qui di seguito una sintetica descrizione delle differenze tra leader e manager data da Warren Bennis, professore presso la Southern Univercity in California:

«I manager fanno le cose bene, ma i leader fanno le cose giuste.»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.