Leap second, ecco cosa accadrà il 30 Giugno 2015 COMMENTA  

Leap second, ecco cosa accadrà il 30 Giugno 2015 COMMENTA  

Leap-Seconds-01-638x425

Segnatevi la data del 30 Giugno 2015 perché alle 23:59.59 di questo giorno gli orologi atomici in tutto il mondo resteranno fermi per un secondo.

Leggi anche: 2016 anno dei lutti: da David Bowie a Muhammad Ali

Tale fenomeno temporale in gergo viene chiamato “Leap second”, e serve a mettersi al passo con le variazioni del tempo astronomico provocate dai rallentamenti della rotazione della Terra.

Leggi anche: Terremoto Taiwan, scossa di magnitudo 6.4. “Almeno 14 morti. Non c’è pericolo tsunami”

Mentre gli orologi atomici di tutto il mondo saranno sincronizzati tra loro nel passare alle 23:59:60 prima di procedere al giorno nuovo, qualche problema potrebbe aversi per l’orario utilizzato dal web e dai vari siti Internet.

Il fenomeno del Leap second è piuttosto simile al bug che si è verificato nel 2000, che però era un problema singolo. I Leap second rappresentano una gatta da pelare per tutti gli esperti del settore: dal 1972 ad oggi se ne sono verificati venticinque.

L'articolo prosegue subito dopo

Nel 2012, anno in cui si è verificato l’ultimo Leap second, diversi siti come LinkedIn, Reddit, Foursquare e tanti altri sono diventati irraggiungibili.

Ogni azienda dovrà quindi attivarsi per aggirare l’inconveniente legato a questo sfasamento temporale che si verificherà il 30 Giugno prossimo. Non tutte le aziende sono attrezzate e funzionali come Google, che ha invece trovato il modo di frammentare il secondo extra in millisecondi e li distribuisce nell’arco dell’intera giornata. In America c’è già chi suggerisce di lasciar perdere i Leap Seconds e a prepararsi alla desincronizzazione del tempo che viviamo da quello solare, accettando di buon grado di modificare la scala temporale cui siamo abituati.

Leggi anche

stefano-cucchi
Cronaca

Ilaria Cucchi pubblica la foto di Natale di Stefano, ‘avrai giustizia’

Ha postato una foto natalizia. Ma non è certo uno scatto che porta a sorridere, quello pubblicato poco fa su Facebook da Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, morto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare. Da quel giorno Ilaria e la famiglia sono coinvolti in uno dei casi di cronaca giudiziaria più complessi ed intricati degli ultimi anni poichè coinvolge anche agenti di polizia penitenziaria, oltre ad alcuni carabinieri e medici del carcere di Regina Coeli. La foto mostra un sorridente Stefano con indosso un cappello da Babbo Natale, appoggiato al tavolo di fronte all'albero di Natale; nel messaggio Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*