L’eccessiva igiene fa male? COMMENTA  

L’eccessiva igiene fa male? COMMENTA  

Il trend arriva dall’America, dove alcuni giornalisti del “New York Times Magazine” hanno illustrato, ricorrendo ad un’immagine tenera e provocatoria di un cane che lecca il viso di un bimbo piccolo, la raccomandazione di alcuni esperti della Northwestern University. Il messaggio è chiaro: secondo la ricerca americana lavarsi troppo può aumentare il rischio di infiammazioni.


Al contrario, i temuti germi dai quali si è sempre detto di stare alla larga, sono importanti soprattutto per i bambini. I batteri infatti non sono tutti nocivi: alcuni di essi, chiamati saprofiti, vivono in perfetta armonia nel nostro organismo e dalla loro sopravvivenza dipende la buona salute. Altri, invece, sono del tutto innocui.


Il contatto con i microbi durante l’infanzia non sarebbe dannoso, ma anzi aumenterebbe le difese immunitarie, riducendo nel contempo le possibilità di sviluppare infezioni ed infiammazioni da adulti. L’eccessivo timore dei microbi può essere alla base di malattie allergiche, poiché se i bimbi nei primi anni di vita sono troppo isolati il sistema immunitario diventa sensibile.


Dalla ricerca emerge chiaramente che i piccoli cresciuti in un ambiente meno agiato soffrono meno di allergie rispetto ad un coetaneo nato in un ambiente socio-economico più elevato. Questa situazione si mantiene in età adulta. Le basi delle allergie, quindi, vengono gettate nell’infanzia. Anche l’abuso di antibiotici indebolisce il sistema immunitario, poiché questi uccidono i batteri responsabili di malattie ed eliminano i germi buoni, specie quelli che vivono nel tratto intestinale.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*