Lega i capelli della figlia al carrello, shock al supermercato

Sta facendo il giro del mondo la foto shock di una punizione a dir poco incredibile inflitta da un uomo a sua figlia. E’ accaduto in un supermercato di Cleveland, negli Stati Uniti: l’uomo ha avvicinato la figlia al carrello della spesa legandole i capelli ad esso per poi iniziare a trascinarla tra i corridoi del supermarket, davanti agli altri clienti increduli. La bimba, di pochi anni, ha implorato il padre di liberarla ma l’uomo ha proseguito imperterrito, anche quando alcuni clienti si sono avvicinati a lui per dirgli di smetterla. Erika Burch era tra i testimoni e ha deciso non solo di dire al padre snaturato di liberare la figlia ma anche di documentare l’accaduto scattando alcune foto che poche ore dopo ha pubblicato sul suo profilo Facebook.

Leggi anche: Cambio merce kiko


Immagini divenute virali in poche ore, che mostrano il maltrattamento che la bambina ha dovuto subire: “Aveva i capelli avvolti intorno al al carrello e la trascinava! Lei lo pregava di smettere e diceva “Smettila ti prego, ti prometto che non lo faccio più”. Ho preso subito il mio cellulare e ha scattato alcune foto: l’uomo mi ha detto di farmi gli affari miei, ma io ho detto di ‘no’.”, ha aggiunto la donna sul social network.

Gli scatti hanno generato l’indignazione del web e si cerca ora di risalire all’identità dell’uomo.

Leggi anche

terremoto-stretto-di-messina
Cronaca

Tre terremoti consecutivi nello Stretto di Messina, ponte sicuro o opera rischiosa?

Tre scosse di terremoto consecutive e ravvicinate sono state registrate poco fa dai sismografi dell'Ingv nello Stretto di Messina. Si è trattato di terremoti lievi, di magnitudo 2.3, 2.1 e 2.2 ma il fatto che siano avvenuti a distanza di pochi minuti, dalle 19:14 alle 19:17, è meritevole di attenzione. Si è trattato di sismi superficiali, con ipocentro compreso tra i 9,5 e i 10,9 chilometri, avvenuti in mare aperto, e che non sono stati avvertiti sulla terraferma. Epicentro delle scosse è stato individuato a meno di 10 chilometri da Motta San Giovanni e Reggio di Calabria. Un episodio comunque Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*