Lega: nuovo blitz della guardia di finanza interrompe vertice in via Bellerio

Cronaca

Lega: nuovo blitz della guardia di finanza interrompe vertice in via Bellerio

Milano – La guardia di finanza compie un nuovo blitz nella sede della Lega, in via Bellerio. I militari stanno acquisendo documenti, in particolare i bilanci degli ultimi anni del partito, utili all’inchiesta sull’uso dei fondi pubblici della Lega avviata dalla Procura di Milano. Anche la Corte dei Conti vuol vederci chiaro ed ha aperto un fascicolo per indagare su un possibile danno erariale. Secondo la guardia di finanza, Francesco Belsito avrebbe acquistato 200mila euro in diamanti, le pietre preziose, al momento non si trovano. Nel frattempo sono giunte le dimissioni, sollecitate da Maroni, di Monica Rizzi. La Rizzi ricopriva la carica di assessore allo Sport e Giovani della Regione Lombardia. La Rizzi ha così motivato la “sua” decisione: “Alla richiesta del mio partito di fare un passo indietro rispondo obbedisco, come ho fatto nel 2010 per candidare Renzo Bossi e in tutti questi 24 anni di Lega Nord”, ha detto la Rizzi spiegando la decisione di lasciare l’incarico al Pirellone.

“Nonostante -sottolinea- siano chiuse le inchieste che mi vedevano coinvolta ed addirittura vi è stata la remissione della denuncia per dossieraggio nei miei confronti, alla richiesta del mio partito di fare un passo indietro rispondo obbedisco”. Per questo “ho firmato le mie dimissioni rimettendo le mie deleghe nelle mani di Roberto Maroni e Roberto Calderoli membri del triumvirato della Lega Nord per l’indipendenza della Padania. Ringrazio infinitamente Umberto Bossi per la splendida esperienza che mi ha permesso di fare in questi 2 ultimi anni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche