Nuovo Legostore a Torino: le assunzioni a tempo indeterminato
Nuovo Legostore a Torino: le assunzioni a tempo indeterminato
Lavoro

Nuovo Legostore a Torino: le assunzioni a tempo indeterminato

Nuovo Legostore a Torino: le assunzioni
Nuovo Legostore a Torino: le assunzioni

Nuovo Legostore a Torino dopo le aperture di Caserta e Arese. La Multinazionale danese assume addetti vendita e responsabili di negozio in Italia.

Nuovo Legostore aperto a Torino. In seguito alla collaborazione con il Gruppo Percassi ecco che la Lego apre una nuova filiale in Italia. Dopo Arese e Caserta anche Torino apre le porte al famoso marchio danese. Previste quindi assunzioni a tempo indeterminato per Responsabili di negozio e tempo determinato per addetti vendita.

L’Azienda sin dal 1916, anno della sua creazione, ha prodotto mattoncini colorati di varie dimensioni. Numerose le generazioni di bambini che ci hanno giocato, e che ci giocano ancora oggi. Infatti, Lego è leader indiscussa del settore giocattoli creativi.

Con la nuova apertura dello store certificato a Torino, l’azienda intende assumere nuovo personale. Commessi e Store manager, dovranno essere appassionati di giocattoli ed essere creativi. Non sono necessari particolari requisiti: per la figura di Sales assistant è necessaria breve esperienza nel settore retail.

Maggiori possibilità per chi ha avuto esperienza nell’animazione per bambini. Per la figura di Store manager invece sarà necessaria maggiore esperienza nel ruolo, capacità di gestione di un team e del punto vendita. Infatti, questa figura si occuperà di motivazione del personale e sarà responsabile degli obiettivi del punto vendita.

Per candidarsi, è necessario inviare il proprio curriculum sulla sezione portale lavoro del Gruppo Percassi, partner di Lego che si occupa delle assunzioni sul territorio italiano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

usati
Economia

Dove donare i vestiti usati

di Notizie

Donare abiti usati è un atto di grande generosità. Bisogna però fare attenzione agli operatori coinvolti e alle modalità di raccolta e ridistribuzione, non sempre purtroppo trasparenti.