Lele Mora e la diffamazione ai danni di Giovanni conversano COMMENTA  

Lele Mora e la diffamazione ai danni di Giovanni conversano COMMENTA  

A Lele Mora è costata cara la rissa con Giovanni Conversano a “Pomeriggio Cinque”.

Gli scambi verbali tra l’agente dei vips, rinchiuso nel carcere di Opera dal 20 giugno scorso con l’accusa di bancarotta della società Lm, e l’ex tronista di “Uomini e donne” furono accesi, fatti di frecciatine pungenti, poi culminarono con l’accusa da parte di Mora di furto.


Conversano decise di rivolgersi al tribunale e a distanza di tempo la Procura della Repubblica di Lecce ha inviato ai legali di Mora un avviso di conclusione delle indagini preliminari, nel quale si contesta al manager il reato di diffamazione ai danni di Conversano.


Il salentino, a suo tempo spiegò al magistrato nei dettagli il suo rapporto con l’agenzia di Lele, compreso l’episodio contestato dal manager, che in collegamento telefonico si scagliò contro Giovanni per avergli sottratto alcune carte di credito.

Dopo aver sentito anche Mora e aver visionato il filmato della trasmissione, il sostituto procuratore Carmen Ruggiero ha concluso l’inchiesta, dando all’indagato la possibilità di presentare memorie difensive o chiedere di essere di nuovo interrogato.

L'articolo prosegue subito dopo

In seguito il magistrato deciderà se chiedere o no il rinvio a giudizio dell’agente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*