Leoni gay: quando l'omosessualità riguarda anche gli animali

Leoni gay: quando l’omosessualità riguarda anche gli animali

Esteri

Leoni gay: quando l’omosessualità riguarda anche gli animali

leoni gay

Due leoni gay sono stati avvistati in Kenya da un turista che ha immortalato la scena con la sua macchina fotografica.

Due leoni gay sono stati avvistati in Kenya da una guida turistica di Exodus Travels che ha immortalato la scena con la sua macchina fotografica. Secondo alcuni, sono gli animali che vivono negli zoo ad assumere comportamenti strani e ha mostrare una tendenza omosessuale, in natura, invece, è più raro trovarne. Gli esperti, però, non sono d’accordo e sostengono che se si ricerca, si scopre che in natura è largamente diffusa e scritta nei geni di almeno 1500 specie.

Leoni gay

Una singolare foto scattata nella riserva naturale di Masai Mara, nella parte sud-est del Kenia, sta facendo il giro del mondo. Due esemplari di leoni maschi sono stati immortalati intenti a fare sesso. L’immagine dei leoni gay è da giorni oggetto di speculazioni e reazioni sul Nairobi News che per primo ha pubblicato la foto di un fotografo inglese.

Secondo alcuni esperti intervistati dal giornale keniota si tratterebbe di un atto ispirato da una forza demoniaca che si è impossessata degli animali.

Per questo motivo, “proprio ora necessiterebbero di una rieducazione”. Naturalmente la singolare tesi è subito state presa a bersaglio sul web dai lettori del Nairobi News.

Il fotografo Paul Golsdetein che ha scattato la foto ha spiegato al Daily Mail che inizialmente i leoni erano uno accanto all’altro, poi uno si è scostato un po’ per poi montare il compagno. Nessuno sembra dubitare della foto. La monta tra leoni maschi, d’altronde, è stata ampiamente documentata.

Ormai è noto l’omosessualità sia ampiamente diffusa in natura: oltre all’uomo, negli ultimi decenni i ricercatori ne hanno testimoniato la presenza in numerose altre specie animali. Ed è per questa ragione che il recente avvistamento di una coppia di leoni gay, immortalati in Kenya, non ha stupito gli studiosi né lo stesso fotografo che li ha ripresi. Ma riguardo questo fatto sono state fatte ipotesi che hanno dell’assurdo: nonostante le evidenze scientifiche, un’autorità locale si è voluta fermamente opporre alle spiegazioni ufficiali, suggerendo invece i due felini possano aver imitato degli atteggiamenti appresi dall’esposizione a coppie di turisti dello stesso sesso.

Omosessualità negli animali

L’omosessualità riguarda anche il mondo animale.

Gli etologi hanno stilato una classifica delle specie che mostrano comportamenti sessuali sganciati dal bisogno di procreare, quindi con esemplari dello stesso sesso. In cima alla lista ci sono i bisonti che vivono nelle praterie del Nord America: a dispetto della loro immagine di virilità, sono gli animali che più frequentemente praticano rapporti omosessuali. L’elenco si arricchisce di trichechi, di scimmie come i bonobo o i nostri parenti prossimi dell’evoluzione: gli scimpanzè. Fra loro si registra il “record” di rapporti omosessuali. Praticati anche da uccelli e insetti vari, cetacei, elefanti, giraffe, iene e leoni. Fino ad animali più vicini a noi come pecore e bovini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche