Letta: “verificare nei fatti sostegno Pdl” COMMENTA  

Letta: “verificare nei fatti sostegno Pdl” COMMENTA  

Dopo l’incontro del Pdl a Roma e discorso del Cavaliere, per il Governo settimana cruciale. Santanchè: “e adesso si deve riparare con la grazia”

 

Dopo il discorso di Berlusconi nel sit-in a Roma, riguardante il sostegno al Governo, Enrico Letta da Palazzo Chigi risponde: “avremo modo di verificare i fatti concreti nei prossimi giorni”. Tenendo conto, sottolinea, che “quella che si apre è una settimana cruciale” per i provvedimenti da approvare.

Leggi anche: Primarie Milano: Sala vince con il 42%. “Ora avanti uniti per vincere a giugno”

In giornata i capigruppo del Pdl, Renato Brunetta e Renato Schifani, saliranno al Colle per parlare con Napolitano. L’obiettivo dei due esponenti del Pdl è quello di cercare una soluzione che possa garantire l’agibilità politica di Berlusconi.

Leggi anche: Consigliere comunale di Napoli mostra online la sua busta paga

Domenica a via del Plebiscito l’ex premier ha ribadito di essere innocente, ma ha assicurato anche il sostegno del Pdl al governo. La strategia di Berlusconi è difesa ad oltranza ma senza esacerbare i toni, senza insomma dare l’idea al Paese di mettere in difficoltà il governo.

Una linea che, tra gli altri, non convince Daniela Santanchè, pasionaria del Pdl, la quale da tempo è convinta che, invece, i toni dello scontro sul tema giustizia vadano alzati.

”I toni bassi non hanno funzionato perché non c’è stata reciprocità. E quando una strategia non funziona si cambia”, dice alla Stampa, parlando di «sentenza di condanna ingiusta» e di «punto di arrivo di una persecuzione politica».

L'articolo prosegue subito dopo

”I magistrati – aggiunge – non sono esseri divini e possono sbagliare. Hanno sbagliato. E adesso si deve riparare con la grazia: non sto zitta nei confronti di Napolitano – spiega. – Pretendo che ristabilisca la democrazia. Lo deve fare”. Sempre la Santanchè, solo l’altra sera, aveva dichiarato a Omnibus, in onda su La7: “che provino a incarcerare Berlusconi se hanno le palle”.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*