Lettere di rifiuto inviate alle celebrità prima della fama

Aziende

Lettere di rifiuto inviate alle celebrità prima della fama

Si dice che la strada del successo è lastricata di fallimenti. Tale nozione è completamente vera. La maggior parte delle persone che sono “di successo” hanno affrontato periodi di cadute e ancora e ancora. Tuttavia, non importa quante volte hanno fallito, le persone continuavano a provare finché hanno trovato la strada giusta. Questa è la differenza tra chi ha successo e chi non lo ha. I fallimenti ci saranno sempre. Dovete solo continuare a provare.

Quando questi personaggi famosi hanno ricevuto lettere di rifiuto, non si sono lasciati buttare giù. O se lo hanno fatto, lo hanno semplicemente usato per alimentare la loro motivazione … perché hanno dimostrato tutto il contrario.

1) U2. Bono, The Edge, Larry Mullen Jr. e Adam Clayton formarono gli U2 nel 1976, quando erano solo adolescenti. Nel 1979, hanno presentato il loro primo singolo nella sede della RSO Records a Londra, che li ha respinti dicendo che la loro musica era “non adatto a noi in questo momento.” Entro un anno, gli U2 avevano firmato il contratto con la Island Records e rilasciato il loro primo singolo internazionale, “11 O’Clock Tick Tock “.

1.) U2: Bono, The Edge, Larry Mullen, Jr., and Adam Clayton formed their U2 in 1976 when they were just teens. 

[ad_out company=

2) Andy Warhol. Nel 1956, Andy Warhol ha tentato di donare il suo lavoro al Museo d’Arte Moderna. Il 18 ottobre l’artista ha ricevuto una lettera di rigetto del lavoro, che così generosamente l’ha offerta in dono al Museo. (Oggi,il MoMA possiede 168 pezzi di Warhol.)

2.) Andy Warhol: In 1956, Andy Warhol attempted to donate his work to the Museum of Modern Art. On October 18th the artist received a letter rejecting the work “which you so generously offered as a gift to the Museum.” (Today, MoMA owns 168 of Warhol’s pieces.)

3) Sylvia Plath. Howard Moss è l’editor di New Yorker che ha rifiutato Amnesiac di Sylvia Plath.

3.) Sylvia Plath: Howard Moss is The New Yorker editor that rejected Sylvia Plath’s Amnesiac. Although, he did admit that perhaps he was being “dense.”

4) Madonna. Questa lettera di rifiuto inviata alla squadra di Madonna, molto probabilmente è avvenuto prima che firmasse con la Sire Records nel 1982, un anno prima pubblicò il suo primo album omonimo.

Questo album ha venduto più di 10 milioni di copie in tutto il mondo. Anche se lei non era “ancora pronta.”

4.) Madonna: This rejection letter sent to Madonna’s team most likely took place before she signed with Sire Records in 1982, a year before she released her first, self-titled album. That album sold more than 10 million copies worldwide. Even though she was not “ready yet.”

5) Kurt Vonnegut. Seguito e premiato scrittore, Kurt Vonnegut è stato spesso respinto. Nel 1949, ha ricevuto una lettera da Edward, direttore del The Atlantic Monthly, che ha detto che i suoi campioni “hanno attirato l’encomio anche se nessuno dei due è abbastanza convincente per l’accettazione finale.” Una copia incorniciata della lettera si trova alla Indianapolis Kurt Vonnegut Memorial Biblioteca.

5.) Kurt Vonnegut: Later an award-winning novelist, Kurt Vonnegut was often rejected. In 1949, he received a letter from Edward Weeks, editor of The Atlantic Monthly, who said his samples “have drawn commendation although neither one is quite compelling enough for final acceptance.” A framed copy of the letter hangs in Indianapolis’ Kurt Vonnegut Memorial Library.

6) Tim Burton. Nel 1976, mentre era ancora uno studente, ha inviato una copia del libro dei suoi figli, il Zlig Giant, alla Walt Disney Productions per considerarne la pubblicazione. E’ stato respinto, ma pochi anni dopo, la società ha ingaggiato Burton come apprendista animatore.

6.) Tim Burton: In 1976, while still a high-schooler, he sent a copy of his children’s book, The Giant Zlig, to Walt Disney Productions for publication consideration. It was rejected, but a few years later, the company brought Burton on as an animator’s apprentice.

7) Gertrude Stein. La prosa di questo poeta era troppo densa per Arthur C. Fifield per preoccuparsi di leggere l’intero manoscritto per la sua realizzazione, che ha rifiutato nel 1912.

7.) Gertrude Stein: This poet’s prose was too dense for Arthur C. 

[ad_out company=

8) Jim Lee. Oggi, Jim Lee è un artista, uno scrittore, e il co-editore della DC Comics. A metà degli anni 1980, stava lottando per trovare il suo posto nel settore, ed è stato anche respinto dalla Marvel.

8.) Jim Lee: Today, Jim Lee is an artist, a writer, and the co-publisher of DC Comics. In the mid-1980s, he was struggling to find his place in the industry, and was even rejected by Marvel.

9) Stieg Larsson. Questo rifiuto alla sua richiesta per la scuola di giornalismo a Stoccolma presso il Comitato congiunto delle Scuole di Giornalismo è stato discusso dall’editore Christopher MacLehose, che disse: “Questa è una lettera in cui ti facciamo sapere che non sei abbastanza buono per essere un giornalista”.

9.) Stieg Larsson: This rejection to his application to journalism school in Stockholm at the Joint Committee of Colleges of Journalism was discussed by publisher Christopher MacLehose, who said, “This is a letter saying ‘you are not good enough to be a journalist’ to a man who went on to create a supremely creative, crusading magazine which fought against the worsening tide of extreme right thinking and activity in Sweden.”

10) Hunter S. Thompson. Tecnicamente, HST ha scritto questa lettera di rifiuto a William McKeen, autore di una biografia di Thompson 1991. Thompson ha inviato a McKeen una recensione manoscritta del libro (che William ha poi incorniciato).

10.) Hunter S. Thompson: Technically, HST wrote this rejection letter to William McKeen, author of a 1991 biography of Thompson (he wasn’t a fan). Thompson sent McKeen a handwritten review of the book (which William then framed).

Non rinunciate mai a niente.

Non a tutti piacerà ciò che fate, ma alla fine troverete la vostra strada..

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche