L’FBI chiude Megaupload e Megavideo COMMENTA  

L’FBI chiude Megaupload e Megavideo COMMENTA  

 Megaupload e i siti del suo network, tra i quali Megavideo, sono stati oscurati dall’FBI con l’accusa di  aver violato le norme anti-pirateria.


Il Dipartimento di Giustizia americano ha annunciato in un comunicato che il numero uno del sito,  Kim Schmitz, è stato arrestato in Nuova Zelanda insieme ad altre sei persone. Secondo le autorità  statunitensi Megaupload fa parte di “un’organizzazione criminale responsabile di un’enorme rete di  pirateria informatica mondiale” che ha causato oltre 500 milioni di dollari in danni ai diritti di autore.


In un comunicato pubblicato poco prima della chiusura, Megaupload bollava come ridicole le accuse di violazione del copyright, affermando che “la stragrande maggioranza del traffico generato  dal sito è legale”. L’ industria dell’ entertainment ci attacca perché “vuole avvantaggiarsi della nostra  popolarità” – concludevano gli autori del messaggio.


Diversa l’opinione del Dipartimento di Giustizia, secondo il quale Megaupload “ha riprodotto e distribuito illegalmente su larga scala copie illegali di materiale protetto da copyright, tra cui film – anche prima dell’arrivo in sala – musica, programmi televisivi, libri elettronici e software” .

L'articolo prosegue subito dopo

Le accuse nei confronti degli indagati sono pesanti:gli arrestati rischiano oltre 50 anni di prigione ciascuno per associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, al riciclaggio e alla violazione del diritto d’autore.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*