Libera la mente con lo watsu

Wellness

Libera la mente con lo watsu

Associa i principi dell’antico massaggio giapponese con i benefici dell’acqua. E’ lo watsu (da watershiatsu). Ideato in California all’inizio degli anni ’80 da Harold Dull, si esegue in piscine non profonde a una temperatura che oscilla tra i 34 e i 37 gradi. Galleggiando con l’aiuto di un operatore, la colonna vertebrale sperimenta una flessibilità difficilmente ripetibile con esercizi eseguiti a terra. Senza dimenticare che lo watsu è un momento di totale abbandono: il respiro diventa sempre più profondo e le sensazioni di piacere sono moltiplicate dall’assenza di stimoli esterni. Sono sufficienti 50 minuti per ottenere un rilassamento pari a 4 ore di sonno, dicono gli esperti. Un risultato che si conquista assumendo le posizioni chiamate “culle”: aiutati dai watsu practitioner si piegano le braccia, si allungano le gambe, mentre si è sostenuti sotto il bacino e la nuca. Ultimo step: indossato il tappanaso si va sott’acqua: un passaggio che riporta alla vita prenatale (www.watsu.it).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche