Liberi d’estate, rassegna estiva al Teatro Libero COMMENTA  

Liberi d’estate, rassegna estiva al Teatro Libero COMMENTA  

liberi-destate

Perché rinunciare ad andare a teatro in estate? Questa è la domanda da farsi, e qualcuno ha anche pronta una risposta. Il Teatro Libero di Milano, per esempio, che anche quest’anno non chiude i battenti all’inizio dell’estate, come la maggior parte dei teatri, ma prosegue proponendo spettacoli fino all’inizio di agosto.

Leggi anche: Abbonamenti stagione lirica Milano: prezzi e teatri


Riparti infatti Liberi d’estate dalla settimana prossima. La formula, pensata per il vasto pubbico, poiché incontra il gusto di una più amplia fascia della popolazione, includendo magari anche i turisti estivi, comprende a un prezzo abbastanza basso – appena 12 euro, prevendita inclusa – anche un aperitivo a buffet prima che inizi lo show.  Un’idea molto convincente e allettante, se si pensa ai prezzi milanesi e alla penuria di iniziative simili in questo periodo.

Leggi anche: Compagnia Corrado d’Elia: ritorna Cirano di Bergerac al Teatro Litta


Ad aprire la rassegna sarà La leggenda di Redenta Tiria, tratto dal romanzo di Salvatore Niffoi; si prosegue con Cosa vuoi che sia il 25 e 26 luglio, commedia al femminile, seguito da una performance più classicheggiante: Shakespeare without eyes.

Una storia per stomaci forti è quella di Nascondigli della compagnia Fenice dei Rifiuti (30 e 31 luglio),  da Sole della compagnia Teatro Libero (1 agosto), liberamente tratto da Le Troiane e da Ecuba di Euripide, con cui l’attrice Valentina Capone ha vinto il Premio Eti – Gli Olimpici del teatro 2009. Si chiude il 2 agosto con La Gerusalemme liberata del Gruppo Danny Rose, che propone un mix di musica, parole e immagini per reinterpretare l’omonima opera di Torquato Tasso.

 

 

 

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*