Libertà di stampa, l’Italia è 61esima COMMENTA  

Libertà di stampa, l’Italia è 61esima COMMENTA  

Secondo il rapporto annuale di Reporter Senza Frontiere il 2011 è stato un anno difficile per la libertà di stampa e per i giornalisti che con il loro lavoro contribuiscono a difenderla.


“La classifica di quest’anno – afferma RSF – ritrova ai primi posti lo stesso gruppo di Paesi che continuano a rispettare le libertà fondamentali: Finlandia, Norvegia e Paesi Bassi. Questo ci dimostra che l’indipendenza dei media può preservarsi solamente nelle democrazie forti e che la democrazia stessa ha bisogno di libertà d’informazione.  Vale infine la pena di notare l’ingresso nella top-20 di Capo Verde e della Namibia, due Paesi africani dove non sono stati registrati tentativi di ostacolare il lavoro dei media”.


All’interno dell’Unione Europea, la classifica riflette una continuazione della già marcata distinzione tra Paesi come la Finlandia e i Paesi Bassi, che hanno sempre ottenuto una valutazione molto positiva, e Paesi come la Bulgaria (80°), la Grecia (70°) e l’Italia (61°) che non sono riusciti ad affrontare la questione delle violazioni delle libertà dei media, soprattutto a causa della mancanza di volontà politica. Vanno invece segnalati piccoli progressi da parte della Francia (dalla posizione 44 alla 38), della Spagna (39°) e della Romania (47°).

Ci precedono dunque tutti i principali paesi europei, oltre che buona parte di quelli “secondari”: la Germania si attesta al 16esimo posto. il Regno Unito al 28esimo, Francia e Spagna rispettivamente al 38esimo e al 39esimo posto.


Fuori dall’Europa, gli Stati Uniti scendono di 27 posizioni (47°) anche a causa dei numerosi arresti di giornalisti avvenuti in occasione delle proteste del movimento “Occupy Wall Street”, la Russia occupano la 142esima posizione, Israele la 92esima, la Cina e l’Iran rispettivamente la 174esima e la 175esima posizione.

L'articolo prosegue subito dopo


Triste conferma agli ultimi tre posti per  Eritrea, Turkmenistan e Corea del Nord.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*