Libia, appello UE – USA, fazioni unite contro l’Is COMMENTA  

Libia, appello UE – USA, fazioni unite contro l’Is COMMENTA  

La situazione sul fronte libico ha avuto negli ultimi giorni un aggravamento tale da indurre sei paesi a sottoscrivere un appello per la cessazione delle ostilità interne.


Mentre infatti proseguono i negoziati, con una recente seduta a Ginevra che, a detta di molti, si è peraltro rivelata molto positiva, Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti hanno diramato una nota congiunta in cui i rappresentanti dei sei paesi si dicono “profondamente preoccupati dalle notizie che parlano di bombardamenti indiscriminati su quartieri della città densamente popolati e atti di violenza commessi al fine di terrorizzare gli abitanti”.

Da qui il richiamo alla necessità di formazione di un “governo di concordia nazionale che, in cooperazione con la comunità internazionale, possa garantire la sicurezza al Paese contro i gruppi di estremisti violenti che cercano di destabilizzarlo”.

“Ribadiamo ancora una volta” si legge poi nella nota “che non esiste una soluzione militare al conflitto politico in Libia, e rimaniamo preoccupati per la situazione economica e umanitaria che peggiora giorno dopo giorno”, “siamo pronti a sostenere la messa in pratica di questo accordo politico, affinché il governo di concordia nazionale e tutte le nuove istituzioni nazionali possano funzionare efficacemente e venire incontro alle necessità più urgenti del popolo libico”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*