Libia, liberi gli altri due italiani rapiti: stanno bene, presto di nuovo a casa

Prima Pagina

Libia, liberi gli altri due italiani rapiti: stanno bene, presto di nuovo a casa

Filippo Calcagno e Gino Pollicardo stanno tornando a casa. Gli altri due italiani che, lo scorso 20 luglio, erano stati rapiti a Mellitah, a poco più di cinquanta chilometri da Tripoli, hanno riacquistato la loro libertà. Non si sa, al momento, se siano scappati o se i loro sequestratori li abbiano lasciati andare, ma i fatti dicono che Filippo e Gino stanno per rientrare in Italia, toccando loro un destino ben diverso da quello di Salvatore Failla e Fausto Piano, rimasti invece uccisi qualche giorno fa in uno scontro a fuoco fra i loro rapitori e una fazione rivale.

Secondo il capo del Consiglio Militare di Sabrata, Altaher Algrabli, i due ostaggi italiani sarebbero stati liberati tramite un’operazione condotta dalle autorità libiche e, ora, “una volta terminati gli interrogatori”, verranno riportati in Italia. Secondo altre fonti, Filippo Calcagno e Gino Pollicardo sarebbero riusciti a fuggire con le loro forze.

“Stiamo bene e speriamo di tornare urgentemente in Italia, perché abbiamo bisogno di vedere le nostre famiglie” è il messaggio inviato dalla Libia da parte dei due italiani, ora sotto la protezione della polizia di Sabrata. Conferme ufficiali sono arrivate anche dalla Farnesina, secondo il cui comunicato ufficiale i due nostri connazionali “non sono più nelle mani dei loro rapitori” e “sono in buona salute”. Il 9 marzo prossimo il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni riferirà in Parlamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...