Limbo di Melania Mazzucco COMMENTA  

Limbo di Melania Mazzucco COMMENTA  

 

Melania Mazzucco, classe 1966, è una scrittrice italiana. Figlia d’arte, il padre, Roberto Mazzucco, è uno scrittore e uno scenografo; si laurea in storia della Letteratura contemporanea ed esordisce nel mondo letterario nel 1992 con “Seval“. Vincitrice di numerosi premi letterari, nel 2003 si porta a casa il Premio Strega con ” Vita” che prende spunto dalla storia  del nonno dell’autrice.

Leggi anche: Pakistan: Sharabat Bibi arrestata, la monna lisa della guerra afgana

Lo scorso 24 marzo il contingente italiano in Afghanistan è stato attaccato a colpi di mortaio dai talebani: il sergente Michele Silvestri è la vittima; la giovane bersagliera Monica Graziana Contrafatto rimane gravemente ferita.

Leggi anche: Maryam Meher: la campionessa di basket afghana

Oggi è fuori pericolo. Questo preambolo – è lo sfondo nel quale si ambienta Limbo- l’ultimo romando di Melania Mazzucco. Come la giovane bersagliera italiana, anche Manuela Paris, eroina letteraria, avrà la stessa tragica avventura.

Straordinaria coincidenza tra finzione e realtà, il libro racconta si una donna soldato sopravissuta a un attentato in Afghanistan, che torna nella sua città, Ladispoli, nel tentativo di ricominciare la propria esistenza.

L'articolo prosegue subito dopo

Il romanzo ha il pregio di calarti in mezzo alla guerra, di renderti spettatore tra i commilitoni, farti sentire i rumori degli ordini esplosivi, il peso delle armi e perfino l’odore della paura.

Leggi anche

tombola_natale
Cultura

Numeri della tombola: quanti sono

La tombola nasce nel lontano '700 a Napoli da una disputa tra re Carlo e padre Gregorio, ecco come si gioca e quanti sono i numeri.   La tombola è un tradizionale gioco da tavolo, che viene praticato soprattutto nelle festività natalizie. Nata nella città di Napoli nel XVIII secolo, la tombola, è una sorta di gioco del lotto in versione casalinga, ed è praticata tramite un sistema di associazione tra numeri e relativi significati, in genere umoristici appartenenti alla “Smorfia”. Secondo la tradizione, questo gioco sarebbe nel 1734 da una diatriba tra il re Carlo di Borbone e padre Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*