Lina, la sosia perfetta di Angelina Jolie COMMENTA  

Lina, la sosia perfetta di Angelina Jolie COMMENTA  

11

Angelina Jolie ha una sosia: si chiama Lina Sands, ha origini spagnole e 26 anni. La sua somiglianza con la nota attrice hollywoodiana è talmente spiccata che, messe una a fianco dell’altra sembrano due gocce d’acqua. Una somiglianza che ha regalato a Lina non poca notorietà, permettendole di proporsi come imitatrice ed ovviamente come sosia ufficiale della star americana. La giovane, che ha lasciato la Spagna a 16 anni per trasferirsi in Inghilterra frequentando per 9 anni una scuola di recitazione.

Leggi anche: LoveLine: i Brangelina… visto che sono ancora insieme??


Dunque oltre alle somiglianze visive, Lina è anche una brava attrice e, complice un video pubblicato su YouTube, la giovane è riuscita a diventare la più richiesta tra gli 8mila sosia di personaggi famosi proposti dall’agenzia londinese di Susan Scott, oltre a conquistare il popolo del web. Lina ha curato ogni minimo particolare, come le scritte in thailandese tatuate sulla parte sinistra della schiena e la frase Know your rights stampata nella parte bassa della nuca. Inoltre anche il suo nome sembra quasi un diminutivo di Angelina. Una vera clone della Jolie, insomma.

Leggi anche: Divorzio Pitt-Jolie, un patrimonio da 600 milioni di dollari

1 / 4
1 / 4
  • 55
  • 22
  • 33
  • 44

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*