L’industria della musica è diventata troppo simile ad una sfilata di moda?

Guide

L’industria della musica è diventata troppo simile ad una sfilata di moda?

L’arrivo scioccante di Lady Gaga ai Grammys del 2011 in un uovo è uno di quei momenti che qualcuno può definire come l’epitome della performance artistica. E mentre è un po’ difficile definire il suo vestito color carne come “fashion”, bisogna ammettere che lei attira l’attenzione.

Mentre noi eravamo impegnate a cotonarci i capelli con la piccola Willow Smith, lei era impegnata a realizzare i suoi 17 vestiti pazzi, alcuni dei quali incitavano controversie ai minori. E ora vedere Nicki Minaj con i capelli di altro colore che rosa, blu o viola, sembra un po’ strano.

La domanda che dobbiamo chiedere a noi stessi è se ci importasse lo stesso della musica di questi artisti e degli altri, se le loro immagini non fossero così oltraggiose. Nell’ industria musicale, tutto il mondo è un palcoscenico. Ma il palcoscenico non è diventato sempre di più uno spazio da sfilate di moda?

La moda è rock, ma che dire della Dance?

La disco era tutta incentrata su passi cool nella pista da ballo.

La moda era un prerequisito ben comprensibile. Lo stesso vale per l’era del rock/metal/punk, anche se “il look” era una parte importante della scena, non sostituiva la musica completamente.

Ma è successo qualcosa di strano nel tempo. Gli uomini hanno smesso di chiedere di ballare alle donne. Le donne hanno smesso di ballare, e ora passano la sera a ispezionarsi l’un l’altra. E’ noto che la musica e la moda vanno di pari passo. Ma sembra che la moda sia diventata il rimpiazzo per uno degli ingredienti più autentici della vita notturna.

‘Chi lo indossa meglio?’

Non è un caso se questa colonna sembra richiamare tutti i magazines sulle celebrità conosciuti dagli uomini. Non siamo stati automaticamente cresciuto con l’idea che bisogna dare più importanza alle celebrità, a seconda di ciò che indossano, nell’ultimo look. Ma questa ossessione sembra che sia stata applicata anche all’industria musicale.

In qualche modo, abbiamo ascritto la produttività musicale, a come le star appaiaono sul palco. Questo vuol dire che chiunque abbia un abito che spacchi, spacca anche nella musica?

La moda come attualità

La musica di per sè è inondata di riferimenti con la moda. Mettere il nome di alcune marche di stilisti in una canzone non è necessariamente una novità. Run DMC dedicò una canzone intera all’ Adidas. Ma in generale, il riferimento ad un marchio sembrò più una riflessione piuttosto che il solo scopo di fare musica.

Oggi, far sapere al mondo che puoi permetterti di portare simboli di lusso e comfort, è solo la punta dell’iceberg. Sembra che la mera conoscenza dell’alta moda renda un artista più rilevante. Le persone che ascoltano le tue canzoni favorite di questi giorni, vogliono farti sapere che loro appaiono tanto favolosi quanto la tua musica dovrebbe essere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*