L’inquinamento domestico, causa dell’asma nei giovani COMMENTA  

L’inquinamento domestico, causa dell’asma nei giovani COMMENTA  

Di recente è stato condotto uno studio dall’istituto di biomedicina e immunologia molecolare, questo studio ha trovato una delle principali cause dell’asma nei giovani. L’asma nei giovani potrebbe essere un effetto provocato dall’inquinamento dei locali domestici che nella maggior parte dei casi supera il livello di tolleranza. Secondo i ricercatori le cause maggiori sono da attribuire alle mura domestiche infatti alcuni test che si sono presentati allo studio pare che nelle proprie abitazioni avessero un livello di biossido di azoto superiore del 25% rispetto ai casi limite che sono stabiliti dall’organizzazione mondiale della sanità.


 

I dati sono abbastanza allarmanti in quanto a livelli tali di biossido di azoto le vie respiratorie sono davvero irritate. Nel test si è notato che nelle abitazioni in cui i livelli standard sono superati il novanta per cento dei ragazzi presenta sintomi di asma, mentre il venti per cento presenti situazioni allergiche. Ma i dati allarmanti arrivano anche dalle percentuali di una cattiva funzione respiratoria a cui i ragazzi sono soggetti.

Ovviamente come in tutte le patologie anche per questa dell’asma e dell’allergia ci sono soggetti che sono maggiormente esposti a rischio. Infatti questa teoria è stata affermata dagli esperti che erano presenti all’interno di un workshop in cui sono stati resi pubblici i risultati dello studio, e proprio questi risultati hanno evidenziato che i giovani siano i soggetti più a rischio quando si parla di effetti derivanti dall’inquinamento.

Ovviamente la tesi che i giovani sono più a rischio vale sia per l’inquinamento urbano che per quello che si crea nelle nostre abitazioni.

L'articolo prosegue subito dopo

Quindi l’inquinamento è presente anche in buona parte nelle nostre abitazioni ed è proprio per questo che bisogna fare moltissima attenzione per salvaguardare la salute nostra ma nella fattispecie dei nostri cari piccoli, che sono soggetti altamente esposti all’inquinamento.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*