L’Is all’attacco dell’Accademia della Crusca COMMENTA  

L’Is all’attacco dell’Accademia della Crusca COMMENTA  

Il fanatismo filo islamico sembra non conoscere limiti: non si ferma di fronte a nulla.
Neppure la magnifica Accademia della Crusca può più sentirsi al sicuro. I custodi della lingua italiana sono stati bersaglio degli attacchi degli hacker dello Stato Islamico, che hanno forzato il sito dell’istituzione, oscurandolo e sostituendolo con immagini e proclami a favore della Jihad.

Il fatto è che non sembra trattarsi, in effetti, di un attacco al mondo culturale occidentale, ma degli effetti di software lanciati in rete alla ricerca di siti di organi ufficiali con un basso o assente livello di protezione. E siccome le proprietà e la storia della lingua italiana non sono materia di archiviazione top secret, gli hacker jihadisti hanno avuto buon gioco a intrufolarsi nel sito.

Poco male, al momento la situazione è già tornata alla normalità senza che la nostra bella e ammirata lingua abbia subito danni permanenti o di qualsiasi altro genere.

Forse, invece, una spruzzata di ridicolo, i guerriglieri, questa volta, se la sono meritata.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*