L’Is ha attaccato l’Egitto: conquistato il nord del Sinai COMMENTA  

L’Is ha attaccato l’Egitto: conquistato il nord del Sinai COMMENTA  

Lo Stato Islamico avanza ancora, in Nord Africa, e questa volta è riuscito a conquistare un pezzo di Egitto, a nord del Sinai.

L’offensiva lanciata dai miliziani del Califfato è fra le più organizzate e vaste mai portate avanti finora: attaccate in contemporanea tre stazioni delle forze armate egiziane, Sheikh Zuweid, El Arish e Rafah, mentre in tutta la zona circostante venivano posizionate bombe lungo le strade per impedire l’arrivo di rinforzi da parte dell’esercito.


Le fonti sono discordi nel riferire il numero dei caduti, ma, in alcuni casi, arrivano già a parlare di una settantina di militari egiziani caduti.


La situazione, già tesa dopo l’uccisione del magistrato Hisham Barakat con un attacco esplosivo qualche giorno fa, ora è davvero seria.

“L’Egitto è in stato di guerra” sono le parole pronunciate dal Presidente egiziano Ibrahim Mahlab.


Mentre il vicino Israele è già in stato di massima allerta, dalla comunità internazionale non sono, per il momento, arrivati segnali.

L’avanzata verso nord dello Stato Islamico sta trovando l’opposizione dei Curdi.

L'articolo prosegue subito dopo

Quella a sud e a ovest, al momento, rischia di non trovare ostacoli altrettanto forti e organizzati.

Leggi anche

1 Trackback & Pingback

  1. L’Is ha attaccato l’Egitto: conquistato il nord del Sinai | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*