L’Italia si mobilita contro il femminicidio

Donna

L’Italia si mobilita contro il femminicidio

Le ultime stime sono spaventose: in Italia, in soli quattro mesi, sono state uccise 54 donne, Vanessa è l’ultima vittima del femminicidio. Una giovane donna di soli 20 anni, siciliana, uccisa da un uomo che lei conosceva bene. E’ questo il femminicidio, non delitto passionale, come lo definiscono i media: è l’assassinio di donne da parte di mariti, compagni, fidanzati e padri.

E’ ora di dire basta! Se non ora quando, Loredana Lipperina, Lorella Zanardo e tantissimi altri, anche uomini, hanno lanciato un appello chiedendo un intervento forte e deciso da parte del governo per fermare quella che è una vera e propria mattanza:

“E’ tempo che i media cambino il segno dei racconti e restituiscano tutti interi i volti, le parole e le storie di queste donne e soprattutto la responsabilità di chi le uccide perché incapace di accettare la loro libertà. E ancora una volta come abbiamo già fatto un anno fa, il 13 febbraio, chiediamo agli uomini di camminare e mobilitarsi con noi, per cercare insieme forme e parole nuove capaci di porre fine a quest’orrore.

Le ragazze sulla rete scrivono: con il sorriso di Vanessa viene meno un pezzo d’Italia. Un paese che consente la morte delle donne è un paese che si allontana dall’Europa e dalla civiltà. Vogliamo che l’Italia si distingua per come sceglie di combattere la violenza contro le donne e non per l’inerzia con la quale, tacendo, sceglie di assecondarla.Una legge parlamentare contro i femminicidi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche