Lo scandalo appalti truccati nella sanità lombarda travolge la Lega Nord

Lo scandalo appalti truccati nella sanità lombarda travolge la Lega Nord

Milano

Lo scandalo appalti truccati nella sanità lombarda travolge la Lega Nord

E ci risiamo un’altra volta. Il vecchio ‘italico’ vizio della tangente non muore mai, e il politico finisce sempre per ricascarci come il celebre lupo capace di perdere il pelo, ma mai di rinunciare alle tentazioni del denaro facile. La Procura di Milano ha arrestato martedi mattina il vice presidente della Regione Lombardia, Mario Mantovani della Lega Nord, con l’ accusa di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti nell’ambito di una inchiesta portata dalla Gdf e della Procura di Milano che ha visto coinvolte altre due persone, tra cui un dipendente della Regione.

Agli arresti è finito anche Giacomo Di Capua, 34 anni, “in qualità di stretto collaboratore di Mario Mantovani e dipendente della Regione Lombardia” e Angelo Bianchi “in qualità di ingegnere del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per la Lombardia e la Liguria.

Tra le gare oggetto dell’inchiesta ci sarebbe anche quella relativa all’appalto dei servizi per il trasporto dei malati dializzati, il cui espletamento della gara stessa sarebbe viziato dalla dazione di un ingente quantitativo di denaro a beneficio dei protagonisti della squallida vicenda di corruzione.

Tra i 12 indagati anche l’assessore lombardo all’Economia, Massimo Garavaglia (Lega), accusato di turbativa d’asta.

Il centro dell’inchiesta della Procura di Milano, partita dalla denuncia di un dirigente del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per la Lombardia e la Liguria, ci sono più filoni relativi ad appalti truccati, episodi di corruzione e concussione.

Mantovani avrebbe alterato l’esito delle gare d’appalto per i lavori di ristrutturazione di scuole in alcuni comuni, tra i quali anche Arconate, del quale comune è stato sindaco in passato.

L’assessore alla sanità beneficiò di lavori ‘gratis’ per immobili di sua proprietà in cambio di lavori affidati ad un architetto in alcuni appalti.

I lavori, che sarebbero stati materia di compravendita nella corruzione, riguarderebbero case e appartamenti di proprietà di Mantovani o dei suoi familiari, case di riposo, tra cui l”Opera Pia Castiglioni’ e cascine.

Ma le gare d’appalto truccate non si fermerebbero qui. Episodi di presunta corruzione riguarderebbero anche appalti per l’azienda ospedaliera di Pavia, mentre tra le altre gare truccate anche l’appalto indetto dalla ‘aggregazione Asl Milano Centro, Milano 1 e Pavia’.

Leggi anche