Lo sciopero dei TIR fa lievitare i prezzi di frutta e verdura alle stelle COMMENTA  

Lo sciopero dei TIR fa lievitare i prezzi di frutta e verdura alle stelle COMMENTA  

Quando la domanda supera l’offerta, i prezzi lievitano. E’ una legge di mercato. Questo sciopero ha ridotto le merci del 70% nei centri agroalimentari. Quello che ne consegue è un’altissima rivalutazione di frutta e verdura nei mercati rionali, nei supermercati e negli ipermercati di tutte le metropoli italiane.


Roma ovviamente non ne è immune e questa settimana si annuncia difficile per chi va a fare la spesa. Non solo perché è la quarta del mese, e gli stipendi per molte famiglie sono finiti orami da un pezzo, ma soprattutto per via dei blocchi stradali, che impediscono alle merci di arrivare sane e salve sugli scaffali dei supermercati.


La protesta dei forconi, cominciata in Sicilia, si è ormai estesa in tutta Italia. La situazione a Roma è la seguente: ci sono blocchi di caselli autostradali a Ceprano, a Frosinone, nel sud pontino e sulla Casilina all’altezza di Anagni.


La situazione è pesante, basti pensare che lunedì le zucchine romanesche hanno sfiorato il prezzo record di sei euro al chilo. In questi giorni, considerata la mancanza, le zucchine potrebbero raggiungere cifre ancor più vertiginose: questo perché stanno diventando merce sempre più rara.

L'articolo prosegue subito dopo

Il fatto più preoccupante è che la lista degli ortaggi introvabili sta aumentando a vista d’occhio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*