Lo show del lunedì di Panariello contro il randagismo in Puglia - Notizie.it

Lo show del lunedì di Panariello contro il randagismo in Puglia

Bari

Lo show del lunedì di Panariello contro il randagismo in Puglia

Dopo il Randagio’s Day tenutosi a Bari lo scorso mese, la situazione di molti cani, soprattutto meticci, gatti ed animali vicini a noi umani è ancora aberrante. E purtroppo le statistiche parlano chiaro: la Puglia è prima in Italia per quantità di randagi.

Un problema che coinvolge svariati fronti: dalla situzaione dei canili adibiti al ricovero delle povere bestie abbandonate, fondamentale nella lotta al randagismo; l’impunità per chi esercita violenza sui cani, un trend in crescita spaventosa anche in Puglia; i recenti provvedimenti legislativi, incluso il redditometro anche per le spese veterinarie, motore di inibizione per chi vuole accudire gli amici a quattro zampe.

Tra gli animalisti e la gente comune fa molto discutere la scelta di includere un quadrupede tra i beni di lusso nell’inventario della lotta all’evasione. Il che inciterebbe la popolazione a disfarsi degli animali domestici per non avere grattacapi con la finanza.

In aggiunta la cronaca delle violenze: anche oggi i giornali parlano di una cagnetta seviziata a Maglie eper due giorni legata con un cappio al guard-rail.

Fortunatamente tra tante iniziative locali, anche i media nazionali tentano, in qualche modo di sensibilizzare.

Proprio Panariello, partito con successo lo scorso venerdì con “Panariello non esiste”, durante la quarta e ultima puntata dello show, si impegnerà a promuovere la raccolta di fondi per la costruzione di una postazione sanitaria per il ricovero dei randagi in provincia di Bari.

Oggi la Puglia conta un centinaio di canili. Ma serve anche qualità e passione per salvare gli amici animali.

Maria Grazia Lisi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*