Lo spread tra Btp e Bund è intorno ai 400 punti base

Economia

Lo spread tra Btp e Bund è intorno ai 400 punti base

Mario Monti
Mario Monti

La settimana a Piazza Affari chiude in rosso (-1,02%) nonostante il buon esito dell’asta dei BOT. Il Tesoro ha infatti collocato 8 miliardi di BOT semestrali con scadenza al 31 luglio 2012 e 3 miliardi di BOT flessibili con scadenza 27 dicembre 2012, con rendimenti in calo sotto il 2%, la prima volta che succede da maggio. Se non è valso a far virare la Borsa, questo dato ha però avuto ripercussioni positive sul differenziale tra Btp e Bund tedeschi che, dopo essere sceso sotto i 400 punti base, si è infine assestato a 403, con un un tasso che cala al 5,859%. Insomma, se è vero che una rondine non fa primavera, è anche vero che qualche effetto positivo i provvedimenti varati dal governo Monti lo hanno avuto, se solo si considera quale era lo spread prima del varo del governo tecnico. Da notare che proprio la scarsa affidabilità della guida politica viene additata dal centro di ricerche Prometeia come la causa del costante deterioramento della credibilità italiana nel corso degli ultimi anni, con effetti sui conti pubblici devastanti.

Secondo il centro studi, nel 2012 il PIL calerà dell’1,7%, risalendo dello 0,2% nel 2013 e dell’1,5% nel 2014. A favorire la ripresa, saranno proprio i provvedimenti emessi da Monti, in particolare le liberalizzazioni, che potrebbero fungere da volano per un circolo virtuoso in grado di innestare sviluppo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche