Lombardo: la Procura di Catania contesta al governatore della Sicilia l’aggravante mafiosa

20120622-114129.jpg

Catania – La procura della Repubblica di Catania ha chiesto al tribunale monocratico che sia contestata l’aggravante mafiosa nei confronti del governatore della Sicilia Raffaele Lombardo.

Leggi anche: Canicattì, confiscati 7,5 milioni di beni a Calogero Di Gioia

Stessa richiesta è stata fatta per il fratello Angelo. I due sono imputati in un processo per reato elettorale. Come riporta il Corriere del Mezzogiorno, la Procura ritiene che le dichiarazioni del pentito Maurizio Di Gatti, abbiano fatto emergere che i candidati appoggiati dal clan potevano usufruire di una richiesta di voto che «non era selettiva ma conosciuta in tutto il rione».

Leggi anche: McMafia, storie di malavita a fumetti

Secondo il pm le condizioni di omertà in cui vivevano le persone del quartiere erano tali che nessun rivale politico denunciava che un altro candidato avesse l’appoggio dell’associazione mafiosa.

Leggi anche

No Picture
Catania

Verranno acquistati più mezzi per la Circumetnea

Sarà rinnovato il parco mezzi della Circumetnea con l’acquisto di 35 nuove vetture che rafforzeranno la presenza dell’azienda dei trasporti all’interno del territorio. L’annuncio è stato dato da Gaetano Tafuri, commissario governativo Fce, dopo un incontro con le maggiori cariche sindacali. L’acquisto dei mezzi rinnoverà il parco vetture che attualmente ammonta a circa 67 unità.Inoltre saranno intensificati i controlli sia nelle linee extraurbane che in metropolitana per evitare che gli utenti possano salire nelle vetture sprovvisti di biglietto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*