Lovelace al Festival di Berlino

Cinema

Lovelace al Festival di Berlino

Linda Lovelace è una delle pornodive più famose, la si ricorda soprattutto per essere stata la protagonista femminile di “Gola profonda”, il film cult americano che nel 1972 rivoluziona il cinema porno, dando il via ad un nuovo genere, il “pornochic”. Con questa pellicola i film porno escono dal chiuso delle sale a luci rosse e raggiungono il grande pubblico.

A raccontare la tormentata esistenza di Linda Lovelace, morta a soli 53 anni per un incidente stradale, ci prova il film “Lovelace”, presentato al Festival di Berlino da Jeffrey Friedman e Rob Epstein. La pellicola si basa sul libro autobiografico scritto da Linda , intitolato “Ordeal”. A darle il volto è l’attrice Amanda Seyfried.

Il film narra la storia di Linda Lovelace, che cresce in una famiglia cattolica e frequenta una scuola gestita da suore. A soli 18 anni, però, rimane incinta. I suoi genitori affidano il piccolo ai servizi sociali. Trasferitasi con la famiglia in Florida, qui Linda conosce Chuck Traynor e se ne innamora.

Convinta che Chuck sia l’uomo della sua vita lo sposa. In realtà questi la maltratta e la costringe a prostituirsi. E’ proprio lui che la convince con la forza ad interpretare il film “Gola profonda”.

Costato solo 25 mila dollari, il film ne incassa ben seicento milioni. Il marito di Linda prende per sé quasi tutti i soldi, lasciando Linda disperata e stanca di subire. La donna decide di cominciare una nuova vita, liberandosi di Chuck, chiede aiuto a sua madre che però si rifiuta. Sposatasi in seguito con un bravo uomo, ci fa un figlio, scrive la sua autobiografia, diventa una sostenitrice della lotta contro la violenza sulle donne. Tra gli interpreti del film c’è Sharon Stone e James Franco. C’è chi definisce “Lovelace” un fim femminista, per i suoi contenuti e il periodo in cui è ambientato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche