Luoghi abbandonati: la Casa delle Anime di Voltri COMMENTA  

Luoghi abbandonati: la Casa delle Anime di Voltri COMMENTA  

La Casa delle Anime di Voltri, l’albergo di Shining italiano, un luogo maledetto in cui sono stati compiuti crimini terribili.

C’è un mistero che circonda i tempi antichi e i luoghi abbandonati della città di Genova. Sull’antica Via del Sale, e piú precisamente sulla via dei Giovi all’altezza di Voltri in località “Cannellona”, potete trovare  una costruzione conosciuta come la Casa delle Anime. Alcuni secoli fa era un’antica locanda dai misteri non ancora del tutto svelati.

casa delle anime

Si narra che a metà del ‘700 questa locanda, antico hotel per i viaggiatori, fosse amministrata da una famiglia dalle abitudini criminali. Quando infatti i proprietari si accorgevano che uno dei loro ospiti era particolarmente ricco, facevano in modo di mandarlo in una stanza particolare, alla quale si poteva accedere anche attraverso un passaggio segreto che loro utilizzavano per derubare ed uccidere di notte l’ignaro inquilino. Quando i gestori furono scoperti, furono condannati a morte, lasciando dietro di loro la scia dei cadaveri orrendamente mutilati scoperti nel giardino della Casa delle Anime. Da quel momento il luogo rimase disabitato fino al secondo dopoguerra. 

In quel periodo, una famiglia genovese povera e senza casa decise di trasferirsi lì, ma non riuscì a durare a lungo. Pare che la famiglia abbia deciso di andarsene quando una giovane ragazza ha iniziato a presentarsi alla porta di casa in determinate sere per cercare il suo fidanzato, ucciso nella locanda e mai tornato a casa.


La giovane, appena saputo che nella casa non c’era il suo amato, si dissolse lasciando un debole ma persistente profumo di rosa. Da allora la casa è rimasta disabitata.


 

1 / 3
1 / 3
casa delle anime
casa delle anime
casa delle anime

Leggi anche

About Modestino Picariello 619 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*