Luoghi abbandonati: degrado a Villa Mirabella in Toscana

Luoghi abbandonati: degrado a Villa Mirabella in Toscana

Viaggi

Luoghi abbandonati: degrado a Villa Mirabella in Toscana

Luoghi abbandonati: Villa Mirabella in Toscana
Luoghi abbandonati: Villa Mirabella in Toscana

Luoghi abbandonati in Italia: tra i tanti ne esiste uno davvero suggestivo. E’ Villa Mirabella in Toscana dove affreschi e dipinti sono in mano ai vandali.

Luoghi abbandonati nella nostra bella Toscana. Esiste una villa in Toscana chiamata Villa Mirabella appartenente a quel gruppo di cosiddetti luoghi abbandonati. Villa Mirabella si trova in provincia di Livorno ed è un edificio settecentesco che si erge sopra un colle nei pressi di Gabbro.

Costruita nel 1761 per volontà dei Fenouillet, è oggi di proprietà del Comune di Rosignano Marittimo. I Fenouillet erano una famiglia di commercianti francesi che si trasferirono nel XVIII secolo a Livorno, attivo porto commerciale. Nei primi anni del ‘900 la villa venne utilizzata come lazzaretto in seguito al diffondersi nella regione dell’epidemia di febbre spagnola. Dal 1984 è di proprietà comunale che però non ha fatto nulla per rimetter in sesto un edificio ricco di storia e dalle decorazioni particolari.

Al suo interno infatti, Villa Mirabella, conserva ancora nelle varie sale, ricche decorazioni e affreschi a rilievo.

L’impressione che si vive percorrendo le sue stanze è quella di fare un salto nell’epoca barocca dove l’arte e lo sfarzo erano all’ordine del giorno. La Villa presenta anche una cappella privata, anch’essa finemente decorata, visibile anche dall’esterno grazie alla sua torretta in pietra.

I ricchi affreschi ormai stanno via via perdendo la loro lucentezza, l’intonaco si sgretola e i vandali profanano un luogo dove la magia fa da padrona

1 / 7
1 / 7
villa-mirabella-in-toscana-2
villa-mirabella-in-toscana-3
villa-mirabella-in-toscana-4
villa-mirabella-in-toscana-5
villa-mirabella-in-toscana-6
Luoghi abbandonati: Villa Mirabella in Toscana
villa-mirabella-in-toscana

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche