L’uomo più brutto d’Uganda diventa padre per l’ottava volta COMMENTA  

L’uomo più brutto d’Uganda diventa padre per l’ottava volta COMMENTA  

Si chiama Godfrey Baguma, ha 47 anni e in Uganda vince il titolo di uomo più brutto del Paese.

Soffre di una malattia sconosciuta e il suo volto è sproporzionato rispetto al corpo. Nonostante questo però, con le donne ha successo tanto da esser diventato padre per l’ottava volta nella sua vita.

Leggi anche: Ruba un traghetto: sono Jack Sparrow


La sua fidanzata Kate Namanda, 30 anni, ha sempre amato Godfrey per il suo modo di fare e di comportarsi. “Una volta trovato un uomo che pensi sia giusto per voi, non ascoltate quello che dicono gli altri. Segui il tuo cuore. Il denaro e l’aspetto fisico non dovrebbero essere dei problemi”, commenta la donna.

Leggi anche: Ollie: il bambino Pinocchio, il cervello gli cresce dentro il naso


Ma il loro amore è stato comunque tormentato. Lei lo aveva lasciato qualche anno fa, ma poi è tornata sui suoi passi. “Le ho detto di guardare il mio modo di fare e che se mi dovesse considerare un fardello, lei è libera di lasciarmi”. Oggi Godfrey ha intrapreso la carriera musicale.

Si guadagna da vivere cantando e registrando videoclip e ora in Uganda è diventato quasi una star.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*