Lusi, la Cassazione dice no all’arresto. I legali: «Decisione ineccepibile»

Politica

Lusi, la Cassazione dice no all’arresto. I legali: «Decisione ineccepibile»

ROMA – Colpo di scena nel caso del senatore Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita, che si trova in carcere a Rebibbia con l’accusa di aver sottratto alle casse del partito, sciolto nel 2007, oltre 25 milioni di euro.

Ribaltando la decisione del Senato, favorevole alla richiesta di arresto fatta dalla procura di Roma, ieri la seconda sezione feriale della Corte Suprema di Cassazione ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Lusi, a causa dell’omessa motivazione delle ragioni che giustificano la custodia in carcere, rinviando al Tribunale del Riesame gli atti per una nuova valutazione.

Questo non significa, però, che l’ex tesoriere sia da considerarsi già a piede libero: l’annullamento con rinvio comporta che Lusi rimanga dietro le sbarre, dal momento che non sono venute meno le esigenze di custodia cautelare, ma già da oggi i suoi avvocati, Luca Petrucci e Renato Archidiacono, saranno a lavoro per chiedere al Gip la sua scarcerazione.

Così, nel giro di un paio di giorni, Lusi, accusato di associazione per delinquere finalizzata all’appropriazione indebita, saprà se potrà uscire di galera o meno.

«Siamo molto emozionati per questa decisione in favore del nostro assistito. Abbiamo ottenuto una prima ragione» hanno dichiarato soddisfatti i legali del senatore. Petrucci, in paricolare, appare fiducioso:«È stata una decisione ineccepibile. Auspichiamo che, fronte di quanto stabilito dalla Suprema Corte, l’ufficio del pubblico ministero dia parere favorevole alla nostra istanza. Mettere in cella un senatore, che aveva ammesso tutto e contribuito alla ricostruzione della vicenda che lo riguarda, è stato giudicato evidentemente una forzatura».

Il Tribunale del Riesame dovrà esprimersi sull’ordinanza di custodia cautelare emessa a carico di Lusi, attenendosi alle motivazioni fornite, entro un mese, dai giudici della sezione feriale della Cassazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche