Lutto nel basket: morto Rolando Howell COMMENTA  

Lutto nel basket: morto Rolando Howell COMMENTA  

rolando howell

Rolando Howell: muore ieri il cestista statunitense. Giocò per la Pallacanestro Varese e per la Capo D’Orlando, portandola alla serie A.

È scomparso a soli 34 anni Rolando Howell, ex-centro della squadra di Varese e Capo d’Orlando. Rolando è spirato mercoledì, a causa di alcune complicanze dovute a una frattura cervicale risalente a un mese fa. Colto da svenimento, il giovane era caduto prendendo una forte botta che gli causò la frattura di una vertebra cervicale, lasciandolo paralizzato. In vista di un’operazione d’urgenza, la moglie Reanna è riuscita a raccogliere il denaro necessario a pagare l’operazione grazie alla piattaforma di crowdfunding GoFundMe; i fan del cestista non hanno esitato a farsi avanti per offrire la possibilità a Rolando di continuare, se non a giocare, perlomeno a vivere. L’operazione, però, sembra non essere stata la sua salvezza, perché l’insorgere di alcune complicazioni post-operatorie ne hanno causato poi il decesso. L’ormai ex-compagno di squadra Aaron Lucas è stato il primo ad annunciare la morte di Howell, chiedendo con molta umiltà di pregare per la sua famiglia.

Leggi anche: Basket, due nuovi ingaggi per Armani Jeans

Rolando Howell, 206 cm per 106 chili di bravura, ha giocato per due stagione con la Varese Pallacanestro, dal 2005 al 2007, e una stagione a Capo D’Orlando dal 2007 al 2008.

Leggi anche: Cosa sviluppa il basket nell’atleta

Durante questa stagione, insieme ai suoi compagni, portò la squadra siciliana alla serie A.

Leggi anche

Suzanne Brack: "volevo uccidere mia figlia"
Esteri

Suzanne Brack: “volevo uccidere mia figlia”

Suzanne Brack, 26 anni, mamma di due figlia. Cade in una bruttissima depressione post parto e una volta riuscita a sconfiggerla, si sfoga su facebook.   Suzanne Brack è una mamma di 26 anni di Dublino. Una mamma che ha voluto un secondo figlio ma che, dopo aver partorito una bellissima bambina, è caduta in una terribile depressione post parto che l'ho portata, giorno dopo giorno, all'alienazione e al pensare di odiare la sua piccolina.  Suzanne odiava la sua piccolina perché le toglieva il tempo pe ree sue cose, pe ri suoi interessi, perché la rendeva schiava di una routine che lei in quel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*