Macchinista treno deragliato: “Andavo a 190, è colpa mia”

News

Macchinista treno deragliato: “Andavo a 190, è colpa mia”

Ormai è certo: è stata l’elevata velocità a fare deragliare il treno a Compostela. I morti sono 78, stando alle ultimissime informazioni che ci giungono dalla Spagna. Il macchinista poco dopo lo schianto contro la bastionata di cemento che costeggia le rotaie avrebbe detto: “Andavo a 190 all’ora, è colpa mia, spero che non ci siano morti perché me li porterei sulla coscienza. Sono umano, sono umano…”.

Il 52 enne operatore del treno, con una notevole esperienza ai comandi, non è riuscito a spiegare il motivo di quella assurda velocità, visto che in quel tratto è previsto un limite di 80 km/h per via della curva “chiusa”, quindi molto pericolosa da affrontare a velocità sostenuta. Adesso i tecnici dalla procura, quelli del ministero e delle ferrovie, accerteranno le cause, determinando se si tratti di un errore umano oppure di un guasto al sistema di controllo della velocità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche