Maduro accusa gli Stati Uniti: hanno infettato il presidente COMMENTA  

Maduro accusa gli Stati Uniti: hanno infettato il presidente COMMENTA  

Hugo Chavez è morto e
i Vezuelani in piazza gridano
La
lucha sigu
e”, intenzionati più che mai a proseguire quella Rivoluzione bolivariana che in 14 anni ha cambiato il volto del Venezuela e dell’America Latina in generale, che avuto fra le conseguenze
un decremento del numero di indigeni dal 70%
al 49,2%.

Chavez aveva un
sogno, come Martin Luther King
: il suo era quello di ridare dignità al
popolo e di sollevarlo dalla povertà in continuità con i principi cari a Simon Bolivar e a dire il vero c’è
riuscito!

Il leader infatti,  definito come un “demonio antidemocratico” , non appena ereditato il governo dal
presunto socialista Carlos Andres Peres
( colui che fece sparare su un corteo di manifestanti che protestavano contro
la politica del Fmi), ha dimostrato
di conoscere i principi della vera democrazia.

Leggi anche: Champions League: Roma qualificata tra i fischi


In realtà il “demonio”
ha sempre infastidito i paesi che dell’assolutismo coloniale  e della speculazione fanno un vessillo, ed è stato eletto “democraticamente” con la maggioranza del 55%, in un Paese dove è
previsto un referendum di revoca della presidenza.

Ha inoltre alfabetizzato
due milioni di bambini che non sapevano né leggere, né scrivere e non potevano
andare a scuola perché non erano neanche registrati all’anagrafe
,in un
paese, chiamato ironicamente “Venezuela
Saudita
” proprietario di una delle risorse economiche più ambite :il petrolio.

Sì perché il Venezuela
si trova su uno dei giacimenti di petrolio più importanti del mondo
: peccato
che i proventi ,fino all’arrivo di Chavez,
restavano nelle tasche di pochi e di
poche multinazionali.

Leggi anche: Giubileo della Misericordia: il Papa apre la Porta di San Giovanni in Laterano


Ebbene Chaves osò
affermare che il petrolio è una ricchezza nazionale e che poichè a causa della
guerra dell’Iraq il prezzo era arrivato alle stelle, decise di approfittarne
per motivi di solidarietà
. Una follia per gli americani capitalisti!!!

Il Presidente infatti alla logica economica anteponeva l’etica
e il diritto morale.


Seguendo la stessa logica Chavez decise di aiutare  tutti i
paesi sudamericani, soprattutto Cuba
, attraverso una forma di scambio geniale: Cuba inviava medici, Chavez pagava in
petrolio e con Fidel, oltre che con altri leader dell’America Latina e dei
Caraibi ha creato nuove fonti di integrazione e dimezzato la povertà
.

L'articolo prosegue subito dopo


Per lui era essenziale garantire assistenza sanitaria e sociale,
una casa per tutti e scolarizzazione massiccia: ed è per questo che lasciò la
carriera militare per quella politica, dedicandosi totalmente alla lotta per
affermare la centralità del popolo e nella piena attuazione di una politica
corretta.

Utile precisare che l’America Latina nell’ultimo decennio, grazie a
personaggi del calibro di Chavez o Lula, è riuscita a rendersi competitiva con
l’Europa
Mercosur el Banco del Sur ( lanciato con una capitalizzazione di 7
bilioni di dollari da : Venezuela,
Argentina, Bolivia, Equador, Brasile, Urugauay e Paraguay)ha
reso più
indipendente l’America Latina.

Resta solo un mistero
da sciogliere riguardo alle circostanze dellamorte di Chavez,
Maduro ha infatti accusato gli Stati Uniti
di aver infettato il presidente provocandogli il cancro:
Non abbiamo dubbi,  arriverà un momento nella storia in cui
potremo creare una commissione scientifica che rivelerà come il comandante
Chavez sia stato contagiato. I nemici storici di questa patria hanno cercato un
punto debole per nuocere alla salute del nostro comandante”.

In effetti lo stesso
Chavez aveva sostenuto tale teoria già nel 2011, rivelando che altri leader
latinoamericani come Lula o Kirchner erano stati colpiti dal male.

Leggi anche

senzatetto-riconosciuta-a-roma
Roma

Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

Se n'è parlato tutto il giorno e poche ore fa finalmente il mistero è stato risolto. Il padre della giovane senzatetto che per molti assomigliava a Madeleine McCann, la bimba scomparsa in Portogallo nel 2007, ha riconosciuto la giovane; ma la sua identità non è quella di Madeleine: si tratta di Embla Jauhojärvi, una ragazza svedese di 21 anni che il padre ha spiegato soffrire della sindrome di Asperger. La giovane è stata fermata tra le strade del cento storico di Roma da diversi giornalisti, dopo che si era sparsa la voce della sua somiglianza con la bambina scomparsa nel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*