Mafia Capitale: i carabinieri scovano il 'tesoro artistico' di Carminati

Mafia Capitale: i carabinieri scovano il ‘tesoro artistico’ di Carminati

Cronaca

Mafia Capitale: i carabinieri scovano il ‘tesoro artistico’ di Carminati

I Ros dei carabinieri, nel corso di una perquisizione compiuta dopo il suo arresto, avvenuto nel dicembre del 2014 hanno trovato a casa del boss di Mafia Capitale, Massimo Carminati, una vera e propria pinacoteca segreta che annoverava dipinti di artisti di primissimo piano. In un armadio sono stati trovati disegni di Renato Guttuso e documenti che attestano la proprietà di decine di opere di artisti fra i quali Pablo Picasso, Keith Haring e Giorgio De Chirico.

Il tesoro artistico segreto di Carminati è stato rinvenuto a casa dei suoceri, che si trova in un appartamento al primo piano nel quartiere Aurelio di Roma. Secondo una indiscrezione riportata dal quotidiano Repubblica, tra le altre opere ritrovate non ci sarebbero tele, ma disegni, anche venticinque copie varie di Mario Schifano e quattro Umberto Mastroianni, lo scultore zio del famoso attore italiano Marcello Mastroianni.
I carabinieri, nel corso della perquisizione hanno trovato anche sedici certificati di garanzia di orologi di lusso e custodie di pelle recanti i nomi di famose gioiellerie del centro di Roma.

Un vero e proprio amore per l’arte e per i capolavori dei grandi pittori, quello di Massimo Carminati, e che già era stato messo in evidenza nelle prime perquisizioni che furono effettuate a casa del boss nel 2014, quando furono trovate opere di Jackson Pollock e Andy Warhol.

Nell’ultima perquisizione sono stati trovati solo i documenti delle grandi opere ma non si sa ancora che fine abbiano fatto un quadro di Picasso e un’opera di Keith Haring.

I carabinieri, una volta entrati in casa dei suoceri di Carminati hanno notato un sospetto armadio metallico sul balcone della cucina. All’interno sono state reperite due scatole di scarpe, collane, bracciali ed orecchini. Sono stati trovati anche orologi e manoscritti attestanti la vendita delle opere d’arte a ignoti. Tutte documentazioni sulle quali i suoceri non hanno saputo dare spiegazioni in ordine alla provenienza e nemmeno su chi l’avesse introdotti nell’armadio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche