Mafia, in 25mila in marcia a Locri per dire basta “Siamo tutti sbirri”

Attualità

Mafia, in 25mila in marcia a Locri per dire basta “Siamo tutti sbirri”

Oggi a Locri siamo tutti sbirri. Ricorderemo tanti nomi di esponenti delle forze dell’ordine che hanno perso la vita e nessuno li può etichettare e insultare”.

Questo è quello che don Luigi Ciotti ha tuonato in pubblico oggi, dopo le scritte offensive comparse ieri a Locri. Oggi si è tenuto il corteo con il quale Libera celebra la XXII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime sacrificate dalle mafie.

25 mila i partecipanti alla manifestazione in corso a Locri per la “Giornata della memoria e dell’impegno per le vittime innocenti delle mafie”. Cinquecentomila le presenze nei luoghi italiani in cui, in contemporanea a Locri, si sta svolgendo la giornata.

Chi è stato presente

In testa al corteo ci sono i familiari delle vittime con gli striscioni di Libera che rappresentano lo slogan di questa giornata : “Luoghi di speranza, testimoni di bellezza“. Una grande bandiera della pace invece è sorretta dai ragazzi migranti minorenni giunti in Calabria a bordo dei barconi in questi ultimi mesi.

Massiccia è stata la presenza di migliaia di persone giunte da tutta Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche