Magia di Del Piero: Lazio battuta e Juve di nuovo prima (2-1) - Notizie.it
Magia di Del Piero: Lazio battuta e Juve di nuovo prima (2-1)
Calcio

Magia di Del Piero: Lazio battuta e Juve di nuovo prima (2-1)

Se è una favola tutti, tranne che i tifosi del Milan, non possono che salutarla con emozione, per non dire commozione: Alex Del Piero “rischia” seriamente di aver griffato lo scudetto 2012 della Juventus. Serve una sua maliziosa punizione a sette dalla fine per piegare la Lazio e tornare al primo posto della classifica: mentre Marchetti prepara la barriera in previsione di una conclusione a giro Pinturicchio lo beffa con una maledetta all’angolo basso che lascia immobile il portiere biancoceleste. Un primo posto pesante visto che, Roma a parte, il calendario sembra offrire una dolce spianata fino al 13 maggio, il giorno del giudizio tricolore. Così dopo aver realizzato la prima rete in campionato contro l’Inter, bella ma non decisiva, quella contro i biancocelesti entra dritto nel film del campionato, per non dire nella storia della Serie A. Milan ricacciato a -1, quindi, e sospiro di sollievo per Conte che però per almeno un tempo aveva rivisto i vecchi fantasmi, sottoforma di tante occasioni sprecate e di una certa evanescenza sotto porta.

Vittoria comunque più che meritata per i bianconeri al cospetto di una Lazio che ha pensato essenzialmente a difendersi nonostante il cambio in extremis di formazione, con il consueto 4-2-3-1 in luogo della prevista difesa a tre (una scelta che ha “costretto” Conte a cambiare a sua volta lo schema di partenza) e che alla fine si trova a rimpiangere anche il punticino perduto al cospetto delle vittorie di Roma ed Inter.

Per quanto visto nel primo tempo, però, i biancocelesti potevano dirsi fortunati ad aver chiuso in parità, grazie al colpo di testa di Mauri allo scadere che aveva impattato la spettacolare rovesciata di Pepe un quarto d’ora prima. L’approccio alla gara infatti era stato come di consueto dirompente da parte di una Juve tutt’altro che frenata dalla necessità di vincere: veloce circolazione di palla, gioco sulle fasce e possesso palla vorticoso avevano mandato in tilt una Lazio troppo rinunciataria, e salvata da Marchetti, decisivo nei primi 45’ pochi minuti prima del gol ancora su Pepe, poi con la mano di richiamo su Quagliarella e nell’alzare in angolo un tiro da sessanta metri di Vidal.

Ma il pareggio ha colpito al cuore una Juve che rientra in campo con la stessa voglia di vincere ma con troppo nervosismo e troppa frenesia forse, adesso sì, dettata dalla necessità di vincere: il possesso palla diviene più lento, la Lazio ha tutto il tempo di schierare due linee compatte e gli unici pericoli per Marchetti vengono da un destro strozzato sul fondo da Vucinic e da una punizione di Pirlo.

Conte ci prova con Matri e Del Piero ma la grande gioia arriva solo su calcio piazzato: tanto basta per alimentare il sogno tricolore. Ed insieme ad esso un altro lieto fine: il rinnovo del Capitano.

Juventus-Lazio 2-1

Marcatori: 30’ Pepe; 45’ Mauri; 82’ Del Piero

Juventus: Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Chiellini; Vidal (79’ Giaccherini), Pirlo, Marchisio; Pepe (72’ Matri), Quagliarella, Vucinic (73’ Del Piero). (Storari, Caceres, De Ceglie, Borriello). All.: A. Conte.

Lazio: Marchetti; Scaloni, Diakitè, Biava, Garrido; Ledesma, Cana; A. Gonzalez (81’ Brocchi), Mauri (71’ Hernanes), Candreva; Rocchi (74’ Kozak). (Bizzarri, Zauri, Matuzalem, Alfaro). All.: E. Reja.

Arbitro: Damato (Barletta)

Ammoniti: Diakitè, Biava, Lichtsteiner, Chiellini, Mauri, Quagliarella, Kozak e Ledesma.

Espulsi: Reja per proteste al 90’ e Kozak per doppia ammonizione al 93’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche