Malasanità: morte sospetta di una partoriente a Cerignola

Cronaca

Malasanità: morte sospetta di una partoriente a Cerignola


Malasanità: morte sospetta di una partoriente a Cerignola
Daniela Curiello, 27 anni, è deceduta dopo aver dato alla luce il figlio. I familiari: ‘l’ambulanza è arrivata tardi’. Disposta l’autopsia

FOGGIA – La procura di Foggia ha aperto un’inchiesta e disposto l’autopsia sulla donna di 27 anni, Daniela Curiello, al nono mese di gravidanza, morta il 30 dicembre nell’ospedale Tatarella di Cerignola dopo un intervento chirurgico deciso per fermare una cospicua emorragia. Daniela Curiello ha partorito, ma non ce l’ha fatta. Il figlio è ora ricoverato nel reparto di rianimazione degli Ospedali Riuniti di Foggia.

La decisione di disporre l’autopsia è stata presa dal pm Vincenzo Maria Bafundi nel corso di una riunione tenuta con i carabinieri e il medico legale e una prima ispezione cadaverica.

Previsto per domani o lunedì 9 gennaio, l’esame autoptico. Il pm ha fatto acquisire la cartella clinica e la documentazione sanitaria della donna che avrebbe dovuto partorire con taglio cesareo al Tatarella il 4 gennaio.

Prima dell’autopsia il magistrato potrebbe notificare informazioni di garanzia per omicidio colposo ai medici che hanno operato Daniela Curiello.

A far scattare l’indagine della magistratura sarebbe stata la denuncia dei familiari della vittima che lamentano un ritardo nell’arrivo dell’ambulanza del 118 presso l’abitazione di Cerignola il 30 dicembre scorso, giorno in cui la gestante ha accusato la forte emorragia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...