Malata di Sla insultata e maltrattata chiede aiuto sul web: 9 ai domiciliari

Malata di Sla insultata e maltrattata chiede aiuto sul web: 9 ai domiciliari

Cronaca

Malata di Sla insultata e maltrattata chiede aiuto sul web: 9 ai domiciliari

arresti

I medici e gli infermieri ritenevano che si lamentasse a sproposito, così disattivavano l'audio del comunicatore e spostavano il monitor del lettore ottico per impedirle di comunicare.

Spiacevoli episodi per una donna malata di Sla, che ricoverata presso la casa di cura San Vitaliano a Catanzaro, veniva continuamente insultata e maltrattata. Oggi è finalmente riuscita a liberarsi dei suoi aguzzini grazie alle email di denuncia che è riuscita ad inviare al suo avvocato.

La donna non ha ne parenti e ne amici, ma usando il web è riuscita a far aprire un indagine. Nove persone tra cui un medico, infermieri e operatori socio sanitari sono tutti finiti ai domiciliari, l’accusa per loro è di maltrattamenti aggravati e abuso dei loro poteri. Ascoltando le intercettazioni, sembra che la donna dovesse giustificarsi del suo stato di salute e dell’impossibilità di poter badare a se stessa.

La donna documentava con email i quotidiani insulti e maltrattamenti a cui veniva sottoposta dal personale medico. Lucida ma completamente paralizzata, soffriva quando i medici e gli infermieri ritenevano che si lamentasse a sproposito, così disattivavano l’audio del comunicatore e spostavano il monitor del lettore ottico, spesso la privavano di connessione a Internet, inibendole le uniche attività che le sono permesse come leggere e fare ricerche on line.

Tutto in modo da impedirle di comunicare.

Nel provvedimento si legge che ” Negli ultimi tre anni la signora ha subito con riprovevole cinismo ed insensibilità, comportamenti persecutori, vessatori, a volte aggravati da rabbiosi insulti, posti in essere da parte di alcuni operatori sanitari del centro San Vitaliano. Gli operatori sanitari hanno agito con inciviltà, mancanza del sentimento di umanità e assoluta mancanza di rispetto delle regole dello Stato e in particolare di quelle regole che guidano l’esercizio della professione sanitaria.

Tutto questo grazie all’operazione della squadra mobile di Catanzaro e della polizia giudiziaria, coordinati dal procuratore capo Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Luberto e dal pm Stefania Paparazzo, avviata per ordine del gip Barbara Saccà che ha preso molto sul serio le denunce ricevute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche