Maltempo a Roma, si scatena la rabbia dei romani: ‘Negli Usa c’è Irma, qui c’è Virginia’

Roma

Maltempo a Roma, si scatena la rabbia dei romani: ‘Negli Usa c’è Irma, qui c’è Virginia’

maltempo
Maltempo a Roma, si scatena la rabbia dei romani

Maltempo a Roma, fa esplodere la rabbia dei romani che se la prendono con la Raggi: 'Negli Usa c'è Irma, qui c'è Virginia'

Roma in questi giorni è flagellata dal maltempo. Abbiamo assistito a scene incredibili: cassonetti che si muovono trasportati dall’acqua, stazioni della metropolitana in cui l’acqua scorre a cascata per le scale, strade allagate in cui è impossibile muoversi. I romani, esasperati, si sono scatenati contro la sindaca Virginia Raggi.

La situazione peggiora di giorno in giorno, ma da alcune dichiarazioni della Raggi degli scorsi giorni, sembrava che non si fosse resa conto di cosa stesse accadendo. Qualche giorno fa millantava che la situazione fosse sotto controllo, esacerbando gli animi dei cittadini già provati dalla situazione.

Soltanto nelle ultime ore ha deciso di convocare il Centro Operativo Comunale per monitorare la situazione. E il Campidoglio, finalmente, a seguito dei nubifragi, ha invitato “i cittadini a limitare gli spostamenti solo in caso di urgenza e ad evitare parchi ed aree verdi.”.

maltempo

La rabbia dei cittadini romani

Ovviamente i cittadini sono giustamente imbestialiti, perchè la situazione è già gravissima, e non sentono la sindaca dalla loro parte.

Ecco perchè è stato coniato uno slogan che non lascia alcun dubbio circa il loro sentire: “Negli Usa c’è Irma, qui c’è Virginia.”.

I numeri di Roma fanno paura: 100 giorni che non pioveva, 100 millimetri di acqua caduta, 100 interventi dei vigili del fuoco.

Alcune testimonianze da parte dei romani

Alcune testimonianze non lasciano alcun dubbio su ciò che sta succedendo. Luigi , vive a San Giovanni e solo dopo venti ore ha rivisto la luce. “Nel frattempo ho dovuto buttare tutto il contenuto del freezer.”. Racconta della faticosa rincorsa dei tecnici dell’Acea:

“Bisognerebbe chiamare il numero verde, peccato che lo si possa fare solo da un numero fisso e quando va via la corrente la linea telefonica che corre sulla fibra non funziona. Il numero per i cellulari invece non era raggiungibile. E quando sono riuscito a mettermi in contatto con la centrale operativa mi hanno sgridato. L’unica cosa che volevano sapere da me era come avevo avuto quel numero.”.

Ancora più incredibile accorgersi che per risolvere il disagio bastava sbloccare l’interruttore centrale della zona.

E sono tante, tantissime, le persone che sono rimaste non solo al buio ma anche isolate causa linea telefonica in fibra. Marisol ha 84 anni ed è ancora scossa: “Mi sono ritrovata a casa senza luce e senza telefono. Ho il telefonino ma non potevo ricaricarlo.”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche