Manila Gorio ed il suo sexy calendario COMMENTA  

Manila Gorio ed il suo sexy calendario COMMENTA  

Dopo aver raccontato l’amore con Danilo Novelli (il concorrente del “Grande Fratello” uscito di propria volontà per tornare dalla fidanzata Angela) la transessuale Manila Gorio lancia l’ennesima provocazione e, sicura di poter dimostrare di essere ormai donna sotto ogni punto di vista grazie alla chirurgia che le ha permesso di avere il corpo da sempre sognato, si candida per la realizzazione di un sexy calendario che dimostri finalmente tutte le sue doti nascoste.

Leggi anche: Fiordaliso choc: mio marito mi picchiava


Anche Manila quindi potrebbe presto trovar posto in edicola e di certo, grazie alla cura che da anni dedica al suo corpo, la Gorio riuscirebbe a fare la sua bella figura, sebbene messa a confronto con donne oggettivamente perfette e, certamente, più popolari.

Leggi anche: Desirèe Popper: “Ero fidanzata quando sono entrata al Grande Fratello, è finita per Alessandro”


La proposta è arrivata dalla diretta interessata che, sul suo profilo Facebook – lo stesso che utilizzò per pubblicare le foto con Danilo, ha reso nota la sua disponibilità a posare anche nuda per una serie di scatti bollenti che testimonino finalmente che, nonostante sia nata uomo, oggi può considerarsi “femmina” a tutti gli effetti e soprattutto, una donna in grado di competere con numerose altre colleghe del piccolo schermo.


Questo il post lasciato dalla gorio su FB:

 

 

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*